martedì 30 settembre 2008

Dopo la Salva-Premier e il Lodo Alfano arriva il Lodo Consolo Salva-Matteoli

Dopo il Lodo Alfano e la Salva-Premier un' altra porcata di questo Governo stà per abbattersi sul paese la nostra Povera Giustizia.
Visto che il Ministro Altero Matteoli è inquisito il suo avvocato difensore Consolo nonchè parlamentare del PdL ha presentato un DDL volto ad estendere il Lodo Alfano anche ai Ministri del Governo.
Un avvocato oltretutto eticamente scorretto che se fossi suo collega non esiterei a far espellere dall' Ordine degli Avvocati, ma soprattutto un cretino che incapace di difendere il suo assistito escogita un modo per non farlo processare.
Come se non bastasse Berlusconi continua ad attaccare la Magistratura e minaccia la Corte Costituzionale per timore che bocci il Lodo Alfano.
Il PM del caso Mediaset infatti ha presentato un eccezione di costituzionalità contro il Lodo Alfano, i giudici decideranno sull'ammissibilità il prossimo 4 Ottobre dopo di chè la parola passerà al consulta.
Ma non è tutto, non solo il Governo di tutto per creare una Giustizia ad Hoc per i politici e di Serie B per noi altri (specialmente per le parti offese) ma l'opposizione del PD non si oppone e lascia che un Parlamentare eletto all'estero truffando lo Stato resti al suo posto.
Questo Parlamentare si è fatto eleggere nella circoscrizione estero falsificando le sue generalità e spacciandosi per residente all'estero quando in realtà vive in Italia.
Nessuno lo può cacciare dal Parlamento, lui non si dimette, la Magistratura lo indaga per truffa ed altri reati, chiede gli arresti domiciliari e il PD insieme alla maggioranza vota contro l' autorizzazione a procedere, negando tali arresti.
Non ci resta che sperare in una bocciatura del Lodo Alfano da parte del Consulta o di vincere il referendum proposto da Di Pietro.
E come al solito i media Piduisticamente Berlusconizzati tacciono su tutto!

Lega Nord: un partito del Nord che vive con i soldi del Centro-Sud


Premesso che parlare di federalismo fiscale in un paese dove oltre l' 80% delle tasse finisce agli enti non ha molto senso, ha ancora meno senso che lo faccia Lega Nord, almeno per coerenza con se stessa e sempre chè non abbia voglia di rinunciare ai propri finanziamenti.
Spiego meglio: non stò parlando di federalismo fiscale ma dell'atteggiamento ambiguo di questo partito: sostiene che ogni regione debba vivere con i propri soldi, cioè quelli delle tesse pagate dai contribuenti ivi residenti.
Ma la Lega on altrettanto, percepisce finanziamenti non solo dal Nord ma anche dal Centro-Sud: si presenta alle elezioni solo in otto regioni su 20 ( Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Trentino A.A. e Friuli V.G.) ma prende soldi da tutte le regioni e mi riferisco ai seguenti emolumenti:
1. Rimborsi elettorali
2. Stipendi e privilegi dei Parlamentari
3. Stipendi e privilegi degli Europarlamentari
4. Stipendi e privilegi dei Ministri
5. Finanziamenti pubblici destinati all'editoria ed in particolare a "La Padania" e Telepadainia"
6. Altri finanziamenti pubblici vari ai partiti.
Tutti questi finanziamenti sono pagati con tasse di tutti gli Italiani e non solo di quelli del Nord.
Ora mi chiedo, ma è ancora "Roma Ladrona" o "Lega Ladrona"?
Forse sarebbe il caso che la Lega restituisse alle Regioni del Centro-Sud una quota di tali finaziamenti e che iniziasse a farseli pagare dalle Regioni del Nord!
Considerate che il Nord produce il 54% del Pil e quindi delle tasse, ma il resto (46%) arriva dal Centro-Sud e che la Lega esiste dal 1987 cioè quasi 22 anni: quanti soldi deve ridare ai meridionali? Tantissimi.
Ovviamente in tutto questo si deve anche considerare quel 10% di Pil e di tasse pagate degli stranieri che tanto odia!

lunedì 29 settembre 2008

Ammazzatecitutti.org ha solo un mese di vita, forse meno! Aiutiamoli a combattere la Mafia!





Ammazzateci tutti , l'associazione giovanile anti-mafia nata nel 2005 in Calabria dopo l'omicidio di Fortugno esponente della Margherita, rischia di chiudere per mancanza fondi.

Essi, come specificato nell'editoriale del sito Ammazzatecitutti.org non ha voluto l'appoggio di aziende e/o movimenti politici, ecc. per non doversi infognare nella malapolitica e per questo ora pagano questa scelta coraggiosa rischiando di chiudere per mancanza fondi e dovendo risarcire dei danni a terze parti.

Ora si cercano volontari dispoti a sostenere economicamente tramite donazioni la loro lotta alla mafia che poi è anche la nostra. Chi può gli dia una mano!

Personalmente gli ho suggerito di inserire della pubblicità nel loro sito che registra circa 50000 visite al giorno. Non se seguiranno il consiglio ma se così fosse consiglio a tutti di cliccarci sopra per consentire a questi giovani Calabresi di andare avanti nella lotta alla Mafia!

domenica 28 settembre 2008

Progetto 10^100 : la Politica del Fare!

Lo CSEA di Orbassano (TO), un Ente Pubblico citato in uno dei miei progetti.


Google in occasione del suo decimo compleanno ha organizzato un concorso di idee chiamato 10^100 (pronunciato 10 alla 100esima).
Può parteciparvi chiunque inviando un idea ovvero un progetto per migliorare la vita di tutti noi al seguente link: http://www.project10tothe100.com/intl/IT/how_it_works.html
Tutte le idee inviate entro il 20 Ottobre prossimo verranno votate fino al 19 Gennaio 2009.
La migliore verrà finanziata con un budget di $10'000'000 pari e 7'000'000 di Euro circa!
Parteciapiamo numerosi e dimostriamo a questi politicanti Italiani come si davvero la politica del fare!
Io ho già inviato due progetti denominati Progetto Lavoro-Formazione per dare l'opportunità di trovare lavoro a 3500 persone e Beinasco Energetica consistente nell'istallare pannelli fotovoltaici di seconda generazione per 2300kwp. Se non avete idee vostre, sostenete le mie.
Esiste inoltre la possibilità anche laddove non si vincesse di essere ugualmente finanziati da qualche organizzazione interessata ugualmente al progetto.

sabato 27 settembre 2008

Petizione contro il Nucleare: non ne abbiamo bisogno

La vecchia centrale nucleare di Trino Vercellese




Desidero informare voi tutti che leggete il mio blog dell'esistenza della seguente petizione contro il nuclealre: aderite numerosi.


NON ABBIAMO BISOGNO DEL NUCLEARE


Al Presidente della Repubblica,
Al Presidente del Senato,
Al Presidente della Camera Deputati,
Al Presidente del Consiglio,
Ai Parlamentari tutti

Noi cittadini e cittadine italiane, visto il “Piano Triennale per lo Sviluppo”, approvato dal Consiglio dei Ministri, che lancia “il ritorno all’energia nucleare”, facciamo presente che:
a. Il popolo italiano ha votato a larghissima maggioranza, con i 3 referendum del 1987, l'uscita definitiva dell'Italia dall'avventura nucleare, come hanno deciso anche Austria e Polonia (che non hanno avviato le loro centrali già costruite), Danimarca, Grecia, Norvegia e Irlanda (che hanno rinunciato alla loro costruzione), Germania, Belgio, Olanda, Spagna e Svezia (che hanno deciso di non costruire più centrali nucleari nel loro territorio, puntando sulle energie rinnovabili).

b. Il nucleare non ci libera dalla dipendenza dall'estero: l’uranio è una fonte esauribile; per far funzionare le centrali dovremmo importarlo e il suo prezzo sta salendo ancora più rapidamente del petrolio: dal 2001 al 2007 si è moltiplicato per dieci.

c. Non esiste il nucleare “sicuro” e “pulito”: i reattori di “quarta generazione” sono previsti tra 25-35 anni (dopo il 2030, attorno al 2040); intanto il governo vuole costruire centrali di “terza generazione” che non hanno risolto né il problema della sicurezza ( non c'è solo Cernobyl, ma decine di incidenti gravissimi come quelli che hanno provocato 7 morti nelle centrali giapponesi tra il 1995 e il 2005) né di come smaltire le scorie che restano radioattive per centinaia e migliaia di anni.

d. La strada maestra sono le energie rinnovabili: Germania, Spagna, Austria, Grecia, Danimarca e tanti altri stati, europei e non, si stanno liberando dalla schiavitù del petrolio investendo grandi risorse sull'energia solare termica, fotovoltaica e a concentrazione, sull’energia eolica e sul risparmio e razionalizzazione degli attuali consumi. In Italia basterebbe coprire di pannelli fotovoltaici solo lo 0,4% delle superfici costruite (sono il 10% del territorio) per soddisfare l'intero fabbisogno nazionale di energia elettrica.

e. Il nucleare è fuori mercato, vive grazie a sovvenzioni statali e militari: Le stime Usa per i nuovi impianti danno il costo del kWh nucleare a 6.3 cent, addirittura il 20% in più dei 5,5 cent del gas o 5,6 del carbone (anche questi, peraltro, dannosi per la salute e l’ambiente). Per questo negli Usa, nonostante gli enormi incentivi stanziati da Bush, nessun privato ci investe dal 1976. L'unico reattore in costruzione in Europa è in Finlandia, perchè quello stato carica sul proprio bilancio (dei contribuenti) smaltimento delle scorie e smantellamento finale della centrale (che costa quasi come la costruzione).

Gli altri 8 stati che, nel mondo, investono nel nucleare, lo fanno, quasi tutti, per produrre anche materia prima per le bombe: Cina, India, Russia, Pakistan, Giappone, Argentina, Romania e l'Iran, attualmente nel mirino degli Usa, perchè non è suo alleato.
Perciò chiediamo ai massimi rappresentanti di Stato e Parlamento di non tradire la volontà popolare e non imboccare, con i nostri soldi, questo costosissimo vicolo cieco.



giovedì 25 settembre 2008

Caso Gabriele Sandri, ancora protezionismo verso Polizia!




E' stato rinviata, per vizi di forma, l'udienza preliminare del caso Gabriele Sandri, il tifoso ucciso l'11 novembre del 2007 dall'agente Luigi Spaccarotella nel parcheggio di un autogrill ad Arezzo. Per fissare la nuova data ci vorranno due mesi.
A causare il rinvio la mancata notifica dell'avviso di chiusura delle indagini preliminari a Giampiero Renzo, uno dei legali di Spaccarotella. Questo comporterà un ritardo nei tempi, perché si dovrà redigere di nuovo l'atto di chiusura delle indagini, e notificarlo alle parti interessate: i tempi tecnici sono stati stimati in un mese e mezzo o due mesi.
Spaccarotella tra l'altro non si è presentato in aula per timore di contestazioni ed altro, pare abbia ricevuto minacce dai tifosi che invece erano presenti insieme agli amici di Gabbo, in aula con degli strisioni, a chiedere giustizia
Il processo sarà una lunga battaglie di perizie, la difesa ritiene si tratti di un colpo accidentale ma testimoni dell'accusa lo avrebbero visto impugnare la pistole a due mani e prendere la mira.
Ad ogni modo questo stop per vizio pensar male sulle sorti del processo, ancora una volta un tifoso è trattato da morto si serie B mentre gente come Filippo Raciti ( per altro in questo caso morto per mano amica) sono morti di serie A.
Spero di sbagliarmi ma dopo tutto quel trambusto mediatico messo in piedì quell 1 novembre 2007 per mitigare un vile omicidio non stare tranquilli!

Sicilia: esplode il caso Parentopoli! Ovvero le raccomandazioni di Schifani, Alfano e compagnia...

Cuffaro e Lombardo: due amministrazioni, una sola clientela.. La Casta!

Quante volte parlando al bar e di P.A. abbiamo parlato di raccomandazioni e persone assunte solo perchè imparentate con qualche politico? Spesso.
Da oggi non è più solo un discorso ma una realtà provata che si trova all'attenzione della Magistratura Siciliana.
C'è un certo Giovanni Ilarda emule delle gesta di Renato Brunetta in Sicilia che occupa la poltrona di Assessore ai Beni Culturali alla Regione Sicilia che è stato colto in flagranza di nepotismo: ovvero ha agevolato l'assunzione della figlia nell' assessorato dell' amministrazione regionale.
Il caso è stato portato alla ribalta dai sindacati e Ilarda si è subito difeso dicendo che si tratta di una ripicca invece di scusarsi con i cittadini.
Ilarda però, secondo gli inquirenti è forse solo la maglia debole di una rete che arriva fino al nostro caro Presidente del Senato, Renato Schifani, la cui sorella siede nello staff dell'assessore alle Politiche per la Famiglia, mentre nello staff dell'assessore all'Agricoltura troviamo la cugina del ministro di Grazia e Giustizia Angelino Alfano.
Stà di fatto che mentre sua figlia che egli ritiene preparata e degna di quel posto, si è dimessa, Ilarda insiste a voler restare sulla sua poltrona.
E' il presidente Lobardo? Plaude le dimissioni della figlia di Ilarda ma non condanna il suo collaboratore alla Giunta.
Vedremo cosa accadrà nell'inchiesta, sperando che il pluripregiudicato di Arcore non faccia l'ennesima legge per i profitti di pochi a scapito degli altri e insabbi tutto o blocchi l'inchiesta, perciò occhi aperti!
Alla luce di questi fatti, quindi, non sorprende l'allarme lanciato dalla Corte dei Conti sull'aumento della spesa per il personale. Questa classe dirigente clientelare sta costando troppo ai cittadini!
E' quì che Brunetta dovrebbe tagliare le spese se non fosse quel gran disonesto nepotista che in realtà è!

Chiesa ed eutanasia: staccare la spina espropria Dio? E quando invece l'attacchiamo non è l'Uomo che decide?


Chiesa ed eutanasia: staccare la spina espropria Dio? E quando invece l'attacchiamo non decidiamo al posto suo?

La Chiesa da sempre si batte contro eutanasia e testamento biologica ritenendo che sia Dio a dover decidere quando un essere umano deve morire.

Ma se prendiamo un caso come quello di Welby: un uomo completamente paralizzato dal Sclerosi Laterale Amiotrofica, incapace persino di parlare, deglutire e parzialmente di respirare, per via della paralisi progressiva del diaframma.

Quest'uomo era mantenuto in vita "artificialmente con un respiratore e un sondino per l'alimentazione: senza quelle invenzioni scientifiche sarebbe già morto molto tempo prima.

Allora forse, oltre che chiederci se sia gusto ed umano lasciar morire un uomo soffocando lentamente giorno per giorno, dovremmo chiederci se non abbiamo espropriato Dio dalla facoltà di scegliere quando far morire un uomo il giorno in cui abbiamo attaccato quelle spine che ora si vorrebbero poter staccare.


Credo che nel dire No all'eutanasia si sia anti-cristiani due volte in quanto:


1. Ci si rifiuta di alleviare le sofferenze altrui

2. Si crede di fare la Volontà di Dio ma in realtà la sua Volontà l'abbiamo raggirata da tempo.


Forse Dio dove averci fatto dono dell'intelligenza con la qual ci siamo appropriati della scienza vuol vedere se siamo così saggi da saper usare bene questo dono e chiederci se vale sempre la pena accendere un respiratore ed un sondino alimentare....

Voi cosa ne pensate?

lunedì 22 settembre 2008

E' l' IdV il partito più votato del Web!



E l' IdV, il partito più votato del Blog. Secondo diversi sondaggi fatti anche da diversi blogger il movimento dell'ex PM con il 38% avrebbe più voti di PDL e PD messi insieme che si fermano al 17% a testa.
Male anche la Lega (7%) sorpassata da Sinistra Arcobaleno (8% ed in lieve crescita) ed al pari di UdC mentre La Destra della Santanchè arriva solo al 2% e non prende voti e resta la palo l'altro alleato di Berlusconi ovvero la MPA di Lombardo.
Sorprendentemente bassi gli indecisi (3%) e la dispersioni di voti su partiti minori (2%).
Gli internauti quindi dimostrano di avere idee chiare ma soprattutto di essere in contro tendenza rispetto al resto del paese.

All' Asta l'Alitalia siempre! Arriva Cordata Piloti-Hostess per l'acquisizione.



Dopo il ritiro della Cai è guerra su Alitalia:Berlusconied il PDL attaccano CGIL Anpac e co. additandoli come irresponsabili che vorrebbero far fallire la compagnia ma in realtà l'unico a fallire e proprio lui:Silvio!

Una prima risposta arriva dal commissario Fantozzi che finalmente decide e decide di cercare nuovi partner sia italiani che stranieri: in testa Air France e Lufthansa, quest' ultima attraverso il suo portavoce Lange ad Affaritaliani.it sapere che segue con interesse l'andamento della vicenda maper ora non esprimonounaposizione, in fatti chiosa il portavoce -"Non posso dire -ha continuato- sela nostra posizione è cambiata oppure no perché non commentiamo le speculazioni di mercato".
Speculazioni di mercato,così Lufthansa giudica l' operazionedella Cai. il chè capire che non è solo l' opposizione a considerarla un impegno forzoso degli amici dello psiconano. Opposizione che plaude compatta seppur con qualche disinguo all'iniziativa di Fantozzi.

La seconda risposta arriva dall' Anpac e dagli altri rappresentanti dei Piloti-Hostess che annunciano di voler fare una Cordata per acquisire Alitalia. Sono pronti ad investire per intero il TFR pari a circa340 mln di euro e gli stipendi arretrati(altri200-300 milioni circa), in questo modo oltre ad acquisire Alitalia si dimezzerebbe l' indebitamanto ed incamerando eventualmente (UE permettendo) i 300 milioni del prestito ponte si ridurrebbe poi ad 1/4 di quello attuale.
E' ovvio che tale piano sia migliore sia di quello Cai che di quello Air-France. Tra l'altro i soli 340 milioni del TFR superano di gran lunga l'offerta Cai consistente in soli 150 milioni di euro.

Dal punto di vista politico se Fantozzi non subito un' asta (sarebbe la cosa migliore dopo il ritiro della Cai) c'è da augurarsi che la Cordata Piloti-Hostess possa ottenere l' acqusizione.
Auspico che anche il personale di terra voglia aderire a tale cordata e chi vi si aggiunga anche l'opposizione con una sottoscrizione pubblica: sarebbe la vittoria del proletario sull'industriale!
La consacrazione della vittoria del socialismo sul libersmo e sul capitalismo.

In ogni caso se si andasse invece all' asta la Cordata Piloti-Hostess dovrebbe fare un offerta e sarei curioso di vedere cosa farà la Cai.
Mio personale convincimento e che Cai non vi parteciperebbe ma se lo facesse sarei curioso di confrontare la sua offerta, certamente perdente,con quella di altri concorrenti ivi inclusa la Cordata Piloti-Hostess!

Infine registrata una spaccatura fra i vari sindacati: un "Fornte del Si" all' accordo con la Cai, costituito da Cisl, Uil e Ugl, ha manifestato oggi a Fiumicino ed è subito sceso in campo il "fronte del No" costituito dalle altre sigle.

giovedì 18 settembre 2008

Scuola in Pericolo!

Sign for CONTRO IL MAESTRO UNICO



Firma l'Appello

La scuola è in grave pericolo, rischia di diventare un privilegio per ricchi e di lasciare ignoranti tutti gli altri a causa del decreto 137 della Gelmini.

Ecco cosa si rischia:

1) riduzione delle ore per gli alunni da 31/32 che erano passeranno a 24 ... cioè sette ore in meno a settimana - con aumento degli alunni per classe a 30 ... già qui vorrei capire le mamme che lavorano dove porteranno i loro figli ... ma questa è una sciocchezza ... se si pensa invece a quale istruzione riceveranno i nostri figli ... ci pensi anche chi come me non nè ha e vorrebbe averne...

2) maestro unico : non ci sarà più inglese, informatica, religione e attività motoria ... conseguenza solo un insegnante unico ... anche se poi non sarà unico in quanto mi sembra che le 2 ore di differenza dovranno essere ricoperte da altri insegnanti

3) Handicap : si ritornerà alle classi differenziate

4) Le scuole non esisteranno più ci saranno delle Fondazioni --> con Sponsor ... ciò vuol dire che se io ho i soldi un rventuale mio/a figlio/a potrà studiare ed andare avanti nella vita ... viceversa ... rimarrà ignorante ... o meglio il suo apprendimento sarà un punto interrogativo ... tutto da sviluppare

5) Niente più Consiglio di Istituto ma di Amministrazione

6) Se non erro i docenti saranno retribuiti dal direttore scolastico anzi direttore della Fondazione. Quindi avvantaggeranno i figli dei ricchi a scapito degli altri.

Aderite alla petizione on line!

PETIZIONE ON LINE

Per ora 7673 firme

http://www.foruminsegnanti.it/

http://www.foruminsegnanti.it/appello2008/

http://www.flcgil.it/notizie/news/2...ritto_al_lavoro

La Ministra Gelmini a Bologna: ven 19 sett., ore 17

Alitalia è fallita, fine della telenovela


Pag.111 (1/1) 18/09/2008 17:49
Primopiano
ALITALIA, A UNANIMITA' RITIRO OFFERTA CAI
La Cai ha deciso di ritirare l'offerta per Alitalia. Il ritiro "è stato deliberato all'unanimità" dall'assemblea riunita questo pomeriggio, scaduto l'ultimatum di Colaninno. Il presidente di Compagnia aerea italiana ieri aveva chiesto alle forze sindacali che non avevano sottoscritto l'accordo quadro di aderire entro oggi alle 16,prima dell'assemblea della Cai. "La drammatica situazione di Alitalia e dei mercati internazionali - si legge in una nota - non permette di allungare ulteriormente una trattativa che è stata approfondita e ha portato a numerose concessioni". "Dilazioni" metterebbero "a rischio la realizzazione del piano".

ALITALIA, SINDACATI: SI CONTINUA A VOLARE
L'Alitalia continuerà a volare anche dopo che sarà ufficializzato il ritiro dell'offerta avanzata dalla Cai. Lo ha detto il segretario nazionale dello Sdl,Maras, annunciando che le sei sigle sindacali che non hanno accettato l'offerta Cai sono ora riunite per mettere a punto una serie di misure per garantire l'operatività dell'azienda. La notizia del ritiro della Cai è stata accolta da applausi dai dipendenti Alitalia riuniti in assemblea che hanno intonato slogan: "Via la casta, riapre l'asta" e "Tutti a casa".

COS' E' SUCCESSO EFFETTIVAMENTE
La Cai aveva dopo una trattativa con i sindacati aveva fatto un accordo con parte di essi: Cisl, Uil, Ugl.Mentre Cgil ed altre 5 sigle di categoria non avevano firmato, chiedendo tempo per riflettere.La Cai ha dato quindi un ultimatum che scadeva oggi alle 16(senza accordo saltava tutto) e le 6 sigle dissidenti dopo una riunione hanno fatto una controproposta pervenuta alla Cai prima della scadenza dell'ultimatum.Ad ultimatum scaduto al Cai si è riunita ed ha fatto sapere che ritirava l'offerta e non intendeva trattare sulla controproposta delle sei sigle sindacali.

ALTRE REAZIONI

ALITALIA, BERLUSCONI: SIAMO SUL BARATRO
Il presidente del Consiglio, che in primo momento si era detto "non preoccupato" dalla situazione Alitalia, ha poi detto:"Siamo sull'orlo del baratro. E la colpa è dei piloti e della Cgil". Il commento del premier è arrivato quando la notizia del ritiro dell'offerta Cai è stata ufficializzata.

EPIFANI:PREMIER PRENDA LE SUE RESPONSABILITA'
"Piuttosto che cercare capri espiatori, governo e presidente del Consiglio si assumano le proprie responsabilità per come hanno gestito tutta la vicenda Alitalia e la trattativa con le parti sociali". E' la replica del segretario della Cgil, Epifani, a Berlusconi che ha addossato alla Cgil e ai piloti la responsabilità del ritiro della Cai dalla trattativa Alitalia. La Cgil, ha sostenuto Epifani, "si è assunta per intero le proprie reaponsabilità per evitare il fallimento di Alitalia".

PRIMA DEL RITIRO, LETTERA EPIFANI A CAI
Prima della scadenza dell'ultimatum e del conseguente ritiro della Cai dal piano di salvataggio di Alitalia, Epifani della Cgil aveva scritto una lettera nella quale chiedeva a Colaninno "la determinazione di andare avanti". "Le confermo la nostra adesione e la nostra firma all'accordo quadro concluso domenica"scriveva Epifani.Il quale ribadiva "l'adesione per il personale di terra" chiedendo di ripristinare "a fronte di un incremento dato di produttività una effettiva invarianza per i lavoratori a reddito medio-basso".

UIL-CISL: QUALCHE COLLEGA E'RESPONSABILE"
E' chiaro" che dopo il ritiro dell'offerta da parte di Cai "siamo di fronte a una catastrofe sociale e sindacale per i lavoratori". Così il segretario generale della Uil, Angeletti, commenta il fallimento delle trattative su Alitalia dopo il ritiro della Cai. "L'azienda è morta e qualche mio collega si accinge a fare il becchino.Mi ricorda la Fiat di 30 anni fa" Intanto Bonanni (Cisl),auspica "che entro questa sera ci garantiscano uno spiraglio" e commenta: "Per responsabilità di pochi pagheranno in molti".


E' ovvio che la Cai non ha mantenuto fede agli impegni presi e nonostante il Si di Cgil all'accordo si è ritirata. meglio Così Ora è chiaro che l'impego fosse forzato per fini Berlusco-elettoralistici!
Berlusconi si assuma le sue resposnsabilità è non faccia scarica-barile.

domenica 14 settembre 2008

Ancora razzismo e violenza di stato targato Lega Nord! E' ora di dire basta!


Ancora razzismo è pregiudizio in Italia: da quando Berlusconi ha rivinto le elezioni e la Lega è tornata la Governo, le aggressioni a stranieri, omosessuali e italiani di sinistra si sono moltiplicate.
Tutta colpa di una classe politica e di un partito che, attraverso la TV, hanno ingfognato il cervello agli Italiani, con una marei di pregiudizi su alcune categorie di persone.
Ormai il paese è ridotto ad una serie di conflitti sociali: dipendenti contro industriali, laici contro cattolici, italiani contro stranieri, eteroseesuali contro trans e omosessuali, destra contro sinistra, privati contro pubblici, FdO contro manifestanti, settentrionali contro merisdionali, ecc. non se ne può più!
Ormai conta solo la violenza. Per la sicurezza non si nulla, si uccide il codice penale, si avvalla la giustizia fai da te modello far west e se ti stuprano o ti pestano qualche sindaco dice che è pure colpa tua.
E' ora dire basta a tutto questo, non importa con qual mezzo ma visto che il Governo ha già scelto l'arma della violenza, legittimando questo vile mezzo, allora lo si accontenti.
Chissà come reagirebbero Bossi e Alemanno se decidessimo di fare ronde anti Leghisti-Fascisti, sarebbero ancora così convinti di aver ripristinato la sicurezza e che le ronda siano una cosa giusta? Credo di NO.
L'Italia una volta era un paese civile o quasi e sopratutto era unito ora è la pattumiera del mondo, tra verremo sfottuti anche dai newyorkesi la cui città da sempre è icona di criminalità.
Siamo lo zimbello del mondo per colpa della destra. Stiamo diventando un paese ridicolo e violento. Retrogrado e idiota. Riprendiamoci la nostra dignità.
E' necessario che la Lega e certi partiti di destra (incostituzionali poiché inneggiano violenza e razzismo) siano messi fuori legge, la prova sono le idiozie con le quali i loro simpatizzanti/militanti infognano il web!
si faccia un pacchetto sicurezza vero che miri a:
1. Mantenere l'obbligatorietà dell'azione penale
2. Ampli la gamma dei reati per i quali è prevista l' arresto obbligatorio (art. 380 c.p.p.)
3. Ampli la gamma dei reati perseguibili d'ufficio
4. Dia ai magistrati la facoltà di perseguire d'ufficio un reato normalmente perseguibile a querela di parte in caso di allarme sociale
5. Istituisca il diritto di indagine a tutela della presunta vittima
6. Dia più risorse e riqualifichi le FdO
7. Aumenti il numero di Procure e Magistrati

sabato 13 settembre 2008

Prostituzione: Carfagna: ingenua e sorprendentemente disinformata.


Io credo che questo pacchetto della Carfagna non sia altro che un inasprimento della legge Merlin. Nulla di nuovo.
Per il resto denoto una xenofobizzazione dell'argomento in quanto ci si occupa di più delle prostitute minori straniere e poco di quelle Italiane!
Basti pensare alle migliaia di minorenni che si svendono per una ricarica telefonica od un capo di abbigliamento griffato od un paio di consumazioni gratis in discoteche: pensate che il fenomeno baby cubiste si fermi al cubo? Temo di No.
Sopratutto non si vieta la prostituzione alle minorenni (intendo quella volontaria).Tutto ciò dimostra una notevole ingenuità ed ignoranza da parte del ministro.
Ella infatti trascura volutamente alcuni aspetti della prostuzione lanciandosi nella solita arcaica concezione di donna prostituta e uomo cliente, ma non è così!
Si prostituiscono anche gli uomini (gigolò), i trans e le coppie.I clienti sono anche donne (anche lesbiche) e coppie scambiste.
I luoghi sono i più disparati: strade, case, night club, club privè, discoteche (specie quelle per vip) centri benessere, alberghi (con direttori compiacenti),agenzie di reclutamanto modelle/i, ecc.
Il business della prostituzione si intreccia spesso con altri business come pornografia, night clubbing, web commerce e business ( siti per prostutite/i e web designer che curano i siti personali delle prostitute/i), naturismo e scambismo, turismo sessuale.
Un business di centinaia di milioni di euro quasi totalmente esentasse!
Chi sfrutta questi canali se ne accorto da tempo e quindi lo sfruttamento della prostituzione ha quasi lasciato da tempo le strade e si trasferito in altri luoghi.
Anche nei night club, centri benessere e nella case esiste il racket! Non crediate che tutti quelle che mettono un annuncio sul giornale siano volontarie, Idem per le spogliarelliste di certi club, ecc.
Bisogna quindi legalizzare questo giro ed aumentare i controlli, con la riapertura delle case chiuse, per ottenere questo:

1. Più controlli igienico/sanitari alle prostitute con minore possibilità di diffondere malattie veneree
2. Meno prostitute sulle strade.
3. Meno evasione fiscale e più gettito.
4. Più facile individuazione e repressione dello sfruttamento.
5. La mafia si vedrebbe sottratto uno dei mercati più remunerativi e più adatto al riciclaggio di danaro sporco.
Una come la Carfagna, per i suoi trascorsi di modella e Vip certe cose le dovrebbe sapere molto bene....

martedì 9 settembre 2008

Berlusconi perde querela elettorale contro l'Economist.


Nel 2001 Berlusconi querelò per diffamazione l'Economist per aver pubblicato un articolo su di lui (con allegato il libro la cui copertina è quella in foto) dal titolo "Perchè Berlusconi è inadatto a governare l'Italia.

Mancavano pochi giorni alle elezioni del 13 maggio 2001 che poi vinse, sapeva che probabilmente avrebbe perso ma la querela serviva a mostrare i muscoli ed era utile alla campagna elettorale in corso.

La gente dopo 7 anni se dimenticata ma la stampa No! Almeno quella estera che ha dato la notizia. In Italia infatti solo repubblica a pagina 13 ne ha fatto menzione.

Berlusconi ha perso ed è stato condannato dal Tribunale di Milano al pagamento della spese processuali pari a 25000 euro.

Secondo i Giudici l'articolo dell'Economist rientrava nel "libero ed insindacabile esercizio del diritto di manifestazione del pensiero riconosciuto e tutelato dall'art.21 Cost.", una cosa sconosciuta a Silvio il pluripregiudicato di Arcore ed i sui amici.
Nell'articolo in questione si parlava dettagliatamente della vita economica e giuridica del Premier Berlusconi e si menzionava lo status nel dettaglio di tutti i suoi processi.
Per fortuna la stampa estera non è ai suoi piedi e i magistrati italiani non si chiamano Angelino Alfano...



lunedì 8 settembre 2008

Stiamo sprecando 280mila tonnellate di carburante e 5 milioni di barili di petrolio!


E' di pochi giorni una denuncia delle Federconsumatori: l' Italia ha una normativa non idonea allo smaltimento degli oli da cucina usati!
La normativa prevede l'obbligo di consegnare l'olio ad al consorzio per lo smaltimento degli oli da cucina usati, ma solo per i pubblici esercizi: Pub, Ristoranti,Bar, ecc. mentre e non i privati cittadini.
Tali oli sono considerati altamente inquinanti, al pari degli idrocarburi, eppure ogni anno gli italiani ne producono 280000 tonnellate l'anno, che finiscono nelle fognature e da lì nei fiumi, nei laghi e nei mari.
ma la questione non è solo l'inquinamento: con 280000 mila tonnellate di olio si possono avere altrettante tonnellate di biocarburanti e risparmiare così da 560000 a 750000 tonnellate (pari a 4.2 - 5.6 milioni di barili) di petrolio!
Sarebbe una bella riduzione oltre che di inquinamento anche di petroldipendenza dai paesi Opec.
Ma il nonstro Governo (come quelli precedenti) è cieco e non si avvede, preferisce investire sul nucleare che a suo stesso dire sarebbe pronto (se tutto bene) nel 2020 e con una generazione di ritardo (sempre secondo il Governo) rispetto agli altri paesi: III invece di IV!
Con gli oli usati inoltre si potrebbero produrre milioni di sacchetti di plastica biodegradabili e quindi non inquinanti e non contenenti le cancerogene diossine!
Ma facciamoci 2 conti: menzionavo un risparmi fra i 4.2 e i 5.6 milioni di barili petrolio che con i prezzi attuali (106 euro7barile) si trasforma in euro in una cifra compresa fra 445 e 594 milioni!
Certo rispetto ai 28 miliardi della bolletta è poco ( siamo a poco meno del 3%) ma è significativo.
Aggiungiamoci ciò che si può produrre dagli rifiuti organici, sfalci di potaura, scarti di macellazione, ecc. e siamo già oltre quel 10% che ci impone Kyoto e che secondo il Ministro Frattini non possiamo raggiungere prima del 2020: che ridicolo, pur di proteggere la lobby petrolifera si inventa di tutto!
E' ora che l'Italia investa in altre risorse energetiche diverse dal petrolio e dal nucleare!
E pensare che molte persone già oggi mandano avanti le prorie auto con olio da cucina usato (basta modificarla per biodiesel) e che in Scozia hanno deicso di usarlo sugli autobus urbani...

venerdì 5 settembre 2008

Rischi censura per Blogger! Firmate la Petizione

Il signor Carlo Ruta, giornalista siciliano si è visto censurare il proprio sito http://www.accadeinsicilia.net/ in base ad una legge del 1948 che impone la registrazione di ogni organo di stampa presso un apposito registro.
Di conseguenza Carlo Ruta è stato condannato per stampa clandestina.
E' il rischio che corriamo noi blogger visto che la Politica non si ravvede ad abolire vecchie leggi inadeguato ai tempi moderni.
E' scattata una petizione facciamola tutti! Io ho già aderito. Per maggiori informazioni si legga l'articolo sul sito di Di Pietro linkato quà sotto!
"Io sostengo Carlo Ruta" di Antonio Di Pietro 4 Settembre 2008

Il sognor Ruta per ora ha apeto un altro sito: http://www.leinchieste.com/

giovedì 4 settembre 2008

Torna l' ICI e arrivano la Tassa di Circolazione (oltre al bollo) e nuove accise sul carburante!

INGRANDIRE L'IMMAGINE CLICCANDOCI SOPRA PRIMA DI PROSEGUIRE CON LA LETTURA!
E LEGGERE QUEST'ARTICOLO PRESO DA TELEVIDEO RAI, OGGI!
Il Governo che era contro le tasse ora se ne inventa tre di nuove! O meglio solo 2 la terza già esisteva.
Torna infatti l'ICI ma con il nuovo nome di Tassa Federale sugli Immobili: novità ( si per dire) tutta Made in Bossiland alias Lega Nord!
A questo si aggiunge il Tributo di Circolazione alle Province ( e meno male che volevano abolirle rietenendole inutili! ndr) che altro non è che una tassa di circolazione, l'ennesima cannonata sugli automobilisti e gli autotrasportatori. Una tassa che oltre che far incazzare a iosa gli aitaliani, sarà l'ennesimo pretesto per tirare su i prezzi al consumo ergo il costo della vita!
Ma non è finita! Come si i carburanti non costassero già abbastanza e non fossero già più che tassati, Mr Calderoli, o forse sarebbe maglio chiamarlo d'ora in poi Mr Tassa, decide di aggiungere nuove accise!
Dulcis in fundo si completa il federalismo fiscale accettando la richiesta dei sindaci sulla tassa di scopo!
MI sorge una domanda spontanea. ma se torna l'IcI i 2 miliardi di euro tagliati e quindi risparmiati per darli ai Comuni che fine faranno? Chi li intascherà? Ai posteri le non tanto ardua sentenza...

mercoledì 3 settembre 2008

Violenze per Roma Napoli, colpa del Prefetto di Napoli e flop del Governo


Dopo le violenze e gli atti di teppismo avvenuti prima, durante e dopo l'incontro Roma-Napoli di domenica scorsa, sono divampate le polemiche.
La Sinistra accusa il Governo che si difende, dando la colpa, tanto per cambiare, alla Magistratura
La colpa in realtà è del Prefetto di Napoli che sapendo di ciò che stava per accadere (prova ne è il fatto che ha piazzato numerosi agenti di Polizia e Carabinieri alla stazione) ed avendo egli stesso a definire l'evento a rischio.
Il Prefetto aveva il potere e dovere di predisporre un altro treno per evitare quello che successo sull' IC Napoli-Torino. Aveva il dovere di riempire il treno con agenti Polfer ma invece non c'era nessuno sull'IC e chissà se ci sarebbero stati su un eventuale altro treno charter.
I 5 fermati già scarcerati non potevano per legge essere trattenuti oltre, inutile quindi colpevolizzare la Magistratura. La responsabilità e semmai del Governo che ha fatto flop con il pacchetto sicurezza non introducendo norme contro questo tipo di scarcerazioni facili, norme che il Paese intero invoca da molto tempo. Era questo il senso di sicurezza che gli italiani chiedevano.
Ora si parla di blocco delle trasferte: ma non servirà. Non essendo possibile vietare al popolo italiano di viaggiare e muoversi da una città all'altra poichè è diritto di ognuno di noi circolare liberamente sul territorio della Repubblica Italiana, non si può evitare che i tifosi vadano in trasferta.
Spiego meglio: si può bloccare la trasferta di grossi gruppi ma non di piccole comitive composte da 5-10 persone massimo 15. Quindi il problema resta.
Vano semplicemente applicate le leggi che ci sono e fatti i controlli che si dovrebbero fare ma non vengono fatti, punto e basta.
Mi permetto di fare un ultima considerazione: secondo il Questore di Napoli ci sarebbe la Camorra dietro le violenze e la DIA stà indagando: personalmente sono scettico su questa ipotesi che mi tanto di alibi, ormai a Napoli e dintorni e diventata una consuetudine scaricare tutto sulla Camorra: cos'è un nuovo modo di fare scarica-barile?

Altri danni di Brunetta: licenzia i precari!

Brunetta continua a far danni, con il suo decreto 12 che non riguarda solo le PA, impedisce alla aziende di fruire dell steso precario per più di 3 anni ma senza l' obbligo di stabilizzarle: stabilizzazione che nella prossima Finaziaria sarà pure vietata nella Pubblica Amministrazione.

Succede così che un gruppo di telefoniste dell'Ospedale di Legnano vengono licenziate dopo 6 anni di onorato servizio. Altro che fannulloni, quì si colpisce la gente seria! I lavoratori seri!

Per la cronaca le telefoniste si sonon messe in vendita su Youtube attraverso il video sopra embendato! Ovviemente sperano in qualche offerta di lavoro.

Sarebbe ora che si mettesse fine con bel referendum sul DL 112! Che ne dite?

laovoro gazzetta del mezzogiorno

laovoro gazzetta del mezzogiorno
annuncio di lavoro

Hot Models