Promuovi il tuo sito

Libri Verità: quello che i media non vi hanno mai detto e mai vi diranno!
 https://play.google.com/store/books/details?id=MCpADwAAQBAJ 

https://play.google.com/store/books/details?id=xvJUDwAAQBAJ Solo su Google Libri e Google Play a €3,90 Clicca la foto per acquistare

sabato 8 dicembre 2018

Uno strano processo. La libertà di stampa lede la giustizia?

La storper raccontarvi è molto particolare è riguarda un processo tra un comune cittafino imputato di diffamazione ed un giornalista che lo ha querelato e si è costituito parte offesa. Tutto inizia nel 2011 quando il giornalista scrive un articolo su un caso di femminicidio e accosta il nome del cittadino a quello dalle persona condannata per quel delitto. Il citadino si sente offeso e chiede spiegazioni via Facebook. Il giornalista reagisce e litigano. Scattano querele reciproche. ça prima non ha effetto mentre quella del giornalista si ma il giudice decide di archiviarla, uesti fà opposizione e il cittadino viene sentito come persona informata dei fatti. L' agente ad un certo punto informa il cittadino dei suoi diritti e interrompe l' interrogatorio. Parte l' anno successivo il processo che peraltro si svolge nella città del giornalista e non il contrario come dovrebbe essere per codice. Il giornalista inoltre in quel palazzo di giustizia ha molte cnoscenze in quanto facendo cronaca nera ha molte foti in quel posto.  Vine assegnato ad un giudice che era stato coindagato con il giornalista  in altra inchiesta connessa e la parte civile dopo aver chiesto di essere sentita non si presenza all' udienza successiva. L' imputato invoca l' esimente previsto dall' art. 599 cp e riesce ed essere senttito dal giudice solo 4 anni dopo l' inizio del processo. Lo stesso imputato non ebbe la possibilità di leggere il suo fascicolo nei termini di cui all' art. 415 bis cp. Cambia giudice e si rinvia più volte. L' ultimo giudice vuole risentire tutti. L' unico teste, la  parte civile e imputato. La parte civile per la seconda non si presenta ed avrebbe potuto evitare la prescrizione. Gli altri due si erano fatti quasi 1000km per essere presenti. Fà pessima figura. Ora dopo 5 anni di processo nessun vinto nessun vincitore. Il cittadino in gratuto patrocinio spera di riavere i soldi spese per andare nell' altra città a seguire il processo mentre il giornalista dovrà pagare il si prorio avvocato.  Si spera che la cosa finisca quì. In teoria è prescritta anche la possibilità per una causa civile e mancando una sentenza nel merito il cittadino non può fare una querela per calunnia ed otterenere i danni per un processo durato 5 anni. Probabilmente il giornalista si è pentito dell' azione penale e temeva che un eventuale riconoscimento dell' esimente avrebbe creato problemi all' intera categoria dei gionrlisti ad ha optatoper la prescrizione. Ma non potecva pensarci prima? Mah...
Una cosa è certa: il cittadino si sente defraudato dalla sua libertà di parola in nome di una "certa libertà di stampa".



Articoli Correlati

sabato 17 novembre 2018

Eccesso di libertà di stampa. Nasce il consulente mediatico giuridico.


In questi giorni i sindacati dei giornalisti si strappano le vesti in nome della libertà di stampa dopo le polemiche del Movimento 5 Stelle a seguito dell' assoluzione della sndaca romana Virginia Ragi. ANche il Presidente Mattarella ha richiamato più volte alla difesa della libertà di espressione. Ma i fatti ci dicono che vi è un eccesso di libertà e che andrebbe ridimensionata:
Il problema è che i giornalisti spesso vanno oltre la cronaca e in questo caso dimenticano che l' art. 21 della Costituzione riguarda tutti i cittadinin e non è una oro prorietà Già perchè mentre loro rivendicano libertà censurano chi li critica e non la pensa come loro. Non risparmiano nemmeno Saviano reao per loro di aver riabilitato un mafioso! Spessp pilotano l' opinione pubblica e con essi i processi. Non stupiamici se nasce il consulente mediatico giudiziario per aiutare chi non ha molti mezzi a reagire ai soprusi della mala infomazione
Invito tutti a boicottare i gironalisi e a non sostenerli. ' ora di ridimensionalre il loro eccessivo potere. Affermano che decidonon lora cosa scrive. Vero ma una volta svelto un argomento lo si affronta in modo completo e non parziale e fazioso per delegitimare qualcuno a favore di altri, Oggi l' informazione è piefata all' audience ed alle vendite. Troppo piegata e troppo populista. A volte razzsita e xenofoba. Speriamo che cambi.




Articoli Correlati

domenica 7 ottobre 2018

Lege stabilità 2019: veri rischi e quelli fasulli di UE ed opposizione

IN questi giorni si parla molto della Legge di Stabilità per il 2018, in quanto entro il 15 ottobre dovrà essere comunicata all' Unione Europea ed entro il 20 si dovrò varare il testo definitivo che andrà approvato dalle camere entro il 31 dicembre. Date inderogabili. Essa prevede un defit al 2,4% del pil nel 2019, poi 2,1 nle 2020 e 1,8 nel 2021. Una manovra da 40 miliardi di cui 20 per la crescita: 10 per il reddito di cittadinanza e 10 per supramento Fornero, pace fiscale detta anche rottamazione ter e flat taz. Essa infine preved una crescita media del Pil nel triennio 2019-21 intorno al 1,7% ed è su quest' ultimo dato che vi è preoccupazine. I rischi ci sono ma solo per una crescita più contratta e non per il deficit che si allontana dal pareggio di bilancio. LO scoramanto è accettabile ma solo se si realizza la crescita prospettata. Ecco i rischi ne dettaglio voce per voce:
Reddito di cittadinanza: non verrà dato direttamante ma attraverso una crrta che vieterà alcune spese definite immorali (avrebbe anche senso se non fosse troppo restrittiva) ma sopratutto viene ritirato ciò che acanza e questo comporterebbe consumi minori del prosepattato e minore crescita. Vi è poi la discrimante della prima casa: se sei prorietario invece di 780 euro te ne danno 400 e potresti non averlo se l' Isee familiare e più alto di una determinata soglia. Se fosse troppo bassa molti aventi diritto non sarebbero più tali.
Pace fiscale: la rottamazione è il copia-incolla di quelle precedenti e come loro non tinee conto della morosità incolpevoli. Si realizza per utti ad eccezione delle cartele oltre i 500-mila o un milione. Quindi un aiuto agli avasori ma sopratutto non sblocca risorse private da investire. Chi non può pagare perchè non ce la fà dovrà farlo comunque in rate sempstrali per 5 anni. Le Pmi e le famiglie quindi restano a rischio.
Quota 100 per le pensioni: Il numero dei pensionandi sarà quello prospettato ma sicuramante non avremo un numero di giovani assunti pari o superiore a ad essi ma sarà inferiore e non vi saranno assunzioni se prima non veranno stabilizzati i dipendenti a tempo determinato. IL rapporto stimabile di un neo assunto ogni 2-3 pensionandi sopratutto nelle grandi aziende.
Flat tax: oltre ad essere uno sconto fiscale per i redditi oltre i 28000€ ed in particolare per over 75000 non comprende la famosa promessa no tax area a 12000€ e ciò avrà come effettto un accumulo di danaro sui conti correnti dei benestanti
Nuova Ires: anche questa come la flat tax rischia di essere un flop. Benchè sia meritocratica e moralmente giusta i suoi affetti sonon collegati al reddito di cittadinanza: non vi saranno investimenti se sale la domanda interna, inoltre le grandi mprese probabilmente non solo non investirano ma dirotteranno all' estero i maggiori utili come sempre accaduto.
Il rischio più grande di tutti però è rappresentato dal terrorismo econmico di Moscovici, Dombrovskis, Renzi, Berlusconi e Junker nonchè dall agenzie di rating che danneggerebbero l' Italia a favore degli speculatori che le pagano. Sono infatti aziende private. I soggetti di cui sopra fanno apparire la questione di cui sopra molto peggio e inducono i mercati alla fibrillazione per imporre al Governo di eliminare il reddito di cittadinanza che avrebbe come effetto la riduzione della precarietà cosa non gradita ale multinazionali che da sepmpre pilotano la politica in Ue come in Italia e negli altri paesi ricchi come Usa, ecc. Ciò spiega la perdita delle borse e la risalita del spread! Gli investitori snon terrorizzati da questi signori e non dalla nostr apolitica economica.
Nota finale, da uomom di sinistra mi fà scifo la posione di Liberi e Uguali che si unisce alla cassander allarmistiche di Ue e opposizione italiana. Criticare si ma con distinguoprecisi dal resto dell' opposizione.


Articoli Correlati

domenica 9 settembre 2018

Salvini e le sue false promesse su Prima gli Italiani.

Salvini pensa prima aiigranti suo chido fisso. Non parla del reddito di cittadinaza e della Fronero (suo cavallo di battaglie) ne della flat tax copndoirdata con il Cav. Dovrebbe restituire i soldi rubati da Bossi e figli invece attacca i magistrati come faceva il dicetto di Arcore e che lo appoggia in siema alla sua banda in questa delegittamazione.





Articoli Correlati

domenica 3 giugno 2018

Spread. Cos'è, come funziona e perchè è cresciuto in questi giorni.

Lo spread ai tempi del cambio Berlusconi Monti nel 2011

In questi giorni si è parlato molto di spread in crescita. Ma cosa è? Come funziona? E chi lo determona? Come promesso ve lo spiegherò in questo post ad hoc. Innanzitutto bisogna parlare di debito pubblico. Ogno stato, Italia compresa, quando il gettito fiscale ovvero le tasse non basta a coprire le spese, si fà prestare i soldi dalle banche centrali come Bankitalia che non li dà direttamante ma li acquisce da privati ovvero altri stati  e banche che a loro volta agiscono su mandato di investitori privati. Per acquisire il danaro emettere dei titoli di stato. Chi li acquista dopo una certa scadenza riceve il capitale prestato più un interesse che nel caso specifico viene stabilito dalle contrattazioni in bosrsa ovvero dal rapporto domanda e offerta. Se la domanda supera l' offerta il tasso scende viceversa sale. Ovvimante nel secondo caso salgono gli interessi sul debito pubblico che potrebbe avere ripercussioni negative.sull' economia nazionale.  TeBot ndenzialmente si confronta il tasso dei Bot italiani decennali con i Bund tedeschi decennali. La differenza tra i tassi di interesse dei due titoli è lo spread che in inglese significa appunto differenza. In particolare ogni centesimo di percentuale di differenza vale un punto di spread. Es: Bot 3,3% e Bund 0,30% ovvero 3% di differenza quindi 300 punti. Da quì potete intuire che lo spread sale se salgonon i tassi italiani ma anche scendono quelli tedeschi od entrambe le cose. Recentemente però come nel 2011 questo indicatore e i tassi sono stati alterati da alcuni operatori di mercato come la Bundesbamk che ne detenevano in grande quantità in modo da condizionare la politica italia. Nell 2011 la cosa fù più lamapante perchè i Bund tedeschi venivano acquistato al tasso negativo di 0,50% ovvero investendo 1000€ dopo dieci anni se ne avavano 950€ che con l' inflazione valevano ancora meno. Oggi in ogni caso converrebbe acquistare più titoli italiani che tedeschi visto che in questo modo dopo 10 anni si hanno 1330€ invece 1030€. Non è vero che lo spread alto fà salire i tassi di interesse sui prestiti che le banche fanno a famiglie e imprese. Questi soldi le banche se li fanno prestare dalle banche centrali al tasso ufficale e da altre banche  al tasso di scambio medio interbancario detto Euribor. A loro volta li prestano alle famiglie al tasso Euribor maggioratto attualmente di 1,5 punti che rappresenta il guadagno delle banche. Solo se le banche centrali aumentano i tassi a loro discrezione aumenteranno quelli dei mutui e dei finanzimanti e sempre che non si sia scelto il tasso fisso. In definitiva uno Spread altro non è necessariamente un dato negativo e non ha effetti nel breve termine. La prossima volta quindi niente panico.

Articoli Correlati

mercoledì 30 maggio 2018

Sondaggi post Mattarella. Crollo FI che cede 8 punti alla Lega. LeU cede a Potere al Popolo

Con la crisi in atto e un voto probabile tra il 29 luglio o a settebre è bene dare uno sguardo ai sondaggi. Rispetto al 4 marzo cambia poco ma quel poco fà una grande differenza: Tiene ik M5S in flessione del 1,6% ma sopratutto cresce di 10 punti la Lega che ne assorbe ben 7 dal Forza Italia in netto calo. Il totale cdx unito al 40,5% mentre senza Salvini si attesta al 12,5% . Il carroccio da solo quindi potrebbe giocarsela sia contro Di Maio che contro Renzi e non a caso Salvini medita sul futuro della coalizione. La coalizione PD infatti è al 23% ma potrebbe salire al 25,7% se parte come sembrerebba l' alleamza con il Pd. Tuttavia a Sinistra cie è un travaso di voti sa LeU a Potere al Popolo che sale all' 1,9% viciono alla soglia frazie al bel lavoro sul territorio ma anche ad una posizione critica verso Mattarella pur nel rispetto delle sue prerogative. In ogni caso nessuno avrebbe la maggioranza. Gli indecisi sono il 32% ovvero 16 milionin di italiani. Se Salvinin vò da solo fa suoi tutti i seggi del maggioritario ora spartiti con Fi ed alleati. E' il momento migliore per mettere definitivamente ko il Cav e vanificare una sua ricandidatura dopo la sciagurata recente riabilitazione.

LO SPREAD NON CREAD PROBLEMI
per ora secondo l' Ad di Unionbanche che precisa che i mutui a tasso variabile sono ancorati all' Euribor me un aumento di spread nel breve periodo non incide su banche ed economia. Di questo parleremo approfonditamente in un prossimo post.


Articoli Correlati

lunedì 28 maggio 2018

Mattarella dice no a Paolo Savona. Proteste sull' account presidenziale di Twitter. Voto a settembre.

Ieri sera il Presidente Mattarella ha rifiutato Paolo Savona come ministro dell' economia perchè come lui stesso ha dettto non piaceva ai mercati, alla UE ed alla Germania. Giuseppe Coonte ringraziandolo ha rimesso il mandato. Furibonde le reazioni di Lega e Cinquestelle che accusano Mattarella di essersi genuflesso ai poteri forti. Le altre forze politiche parlamentari lo difendono mentre Potere al Popolo pur riconoscendo che era nei sui poteri respingere Savona vedono nel motivo una conderma della supremazia di pochi capitalisti milardari nei confronti del popolo sovrano. Il profilo twitter del presidente è stato preso d' assalto con molte protese e richieste di impeachment. I Pentastellati pensano effettivamante di chiderlo. No dellla Lega. Ora il mandato è a Cottarelli ex ministro dell' economia ai tempi di Enrico Letta (2013) il quale pensa ha un governo a termina con voto nel 2019 ma in realtà avendo già incassato le defesionin di Lega Cinquestelle e Fi non ha una maggioranza e lo stesso Cottarelli ipotizza elezioni a settembre. Ma con quale legge?  Il riusltato sarebbe probabilmente la fotocopia del 4 marzo con crescita di Salvini e Di Maio a meno che gli italiani non capiscano che è il caso di votare anche per altri se si vuole una maggioranza che cambi il paese. Mi auguro un voto fotocopia di quello valdostano Lega a parte. Mattarella ha sbagliato!





Articoli Correlati

domenica 27 maggio 2018

Fratelli d' Italia socio occulto del Governo Lega-Cinquestelle! Mattarella socio occulto Renzusconi!

Ora è tutto molto chiaro. Giorgia Meloni detta la maschera criticando Mattarella per il suo ostracismo nei confronti del futuro premier Giuseppe Conte ed in particolare nei confronti del designato Ministro per il Tesoro e Finaza Savona. Leggermente anti-tedesco. E non a caso la Germania attacca il nostro paese e condiziona lo spread salito grazie a Bundesbank che come nel 2012 compra solo titoli tedeschi. Una forma insider trading alla europea e per giunta legale. E' inusuale che chi decide di non votare la fiducia al Governo poi lo difenda dal Colle. Duinque FdI è socio occulto ma ufficialmente essendo un partitello del 3% come LeU deve far dinta di essere alleato di Forza Italia. Il presidente Mattarella si erge e sia volta a sponsor di Pd e Fi ovvero Renzi e Berlusconi. Il primo rappresentato dalla marionetta Martina e il secondo appena riabilitato. Entrambi ormai in campagna elettorale permanten. Il capo dello stato è comprensibile dal momento che i grillinin non piaccioani alla UE ma non può e non deve diventare succursale dell' opposizione ma solo garante! Si deve ricordare tra l' altro che Fi non lo aveva votato e fù eletto prorpio con io voti dei Pentastellati unitamente al centrosinistra. Quindi si ricordi anche di LeU.

martedì 22 maggio 2018

Auto Ibrida? Conviene solo se non usi il plug in!

Negli ultimi anni molti di noi un pò per rispetto dell' ambiente e un pò per il rincaro dei carburanti come in questi giorni in cui il greggio vola a 70 US$ al barile, hanno pensto di acuistare o forse hanno già acquistato un auto ibrida. Ma cos'è? Come funzione e come scegliere la migliore? Ecco alvune cose da sapere. Un auto ibrida è un auto che vede in aggiunta al classico motore termico benzia o diesel (il più delle volte il primo) un motore elettrico normalmente collegato alle ruote posteriori trasformando l' auto in trazione integrale- Esso è alimentato da batterie della capacità di solito non inferiore ai 16 kwh  e ricaricate da un generatore collegato meccanicamante al motore termico. In alcuni casi e sempre pià spesso sono munite di unplug in ovvero un sistema di ricarica tramite un alimentatore collegato alla comune rete elettrica di 220V. Talvolta è lo stesso motore elettrico che comportandosi da dinamo ricarica la batteria in frenata. In alcune vetture è stato modificato il sistema di start&stop che spegne il motere termico ad auto ferma per riaccendorlo non all' inizio dell' avvimento ma solo raggiunta una velocità minima di 30-50km/h. Ciò perchè un motore elettrico ha un rendimento del 98% a qualsiasi regime di rotazione mentre un motore termico al massimo del 25-30% ad un regime di rotazione medie (indicaticamente1800-2000 per un diesel e 4000-4500 per un benzina) Ne consegue che ai bessi regimi e velocità e in accelerazione prevale il motere elettrico facendo risparmia molto mentre au medi alti regimi il risparmio si assottiglia. Le auto ibride quindi danno il massimo in città e nelle aree urnane mentre non si risparmia molto poco  in extraurbano e autostrada. Ma non finisce qui. Finchè la corrrenzte elettrica è autogenerata non ci sono problemi ma se richiamo la batteria al plug-in questo ci costa circa 20 centesim€/kwh se lo facciamo a casa (scomodo per chi vive in condominio) e può raddoppiare fino a 40 centesimi€/kwh alle colonnine in strada. Ovvero un pieno di elettricità vi costa 4-8 € per circa 150Km ovvero 3-6€ ogni 100km assorbendo cos' il rismparmio sul carburante che è circa del. 30%.  Per performare sul risparmio quindi si deve non usare il plug in evitando ad esempio di girarare troppo in modalità completamante elettrica come molte auto permettono. Inoltre è opportuno scegliere un auto con un motore elettrico molto potente in rapporto a quello termico. Almeno il 50€. Tra i pricnipali costruttiri di ibride abbiamo Toyota, Nissan e Bmw, quest' ulima con la Mini Cooper la più performante.



Articoli Correlati

Nuovo Governo. Rottamata Forza Italia








Di Maio per i 5 Stelle e Salvini per la Lega a tre mesi dalle elezioni danno vita ad un nuovo governo con un contratto che però è un pò vuoto. 57 pagine per 40 punti tutti molto generici. Al punto due sul' acqua pubblica ad esempio non si dice che la società che deve gestirlo dev' essere pubblica e si lascia una porticina aperta al privato. Si parla solo di ristrutturare gli acquedotti. Sul redditto di cittadunanza non si indicano le risorse ne tanto meno i requisiti per averla. un vero e proprio accordo tra le due forze politiche non esiste. Unico dato positivo in fatto di aver un premier e dei ministri come il prof Conti che all' apparenza non hanno legami con imprenditoria e finanza e quindi conflitti di interessi.
Quanto all' alleanza di centrodestra con Forza Italia sembra veniere beno e non tanto per la rottamazione di Berlusconi da parte di Salvini ma per una sentenza di Milano che riabilità il Cav e lo rimette in condizioni di candidarsi. Berlusconi quindi accetta la rottamazione ma scende in campo in campagna elettorale permamente come il Pd stà facendo ma due mesi. Anche FdI fà una scelta di campo contro Salvini e a favore del Arcoregiano a conferma che la Meloni preferisce essere la sua burattina invece di sfidarlo apertamante come fà il leader della Lega. Inoltre la fascista non ha gradito l'esclusione dal governo ed ora cerca di vendicarsi.

Scarica il contratto di governo cliccando quì 



Articoli Correlati

sabato 21 aprile 2018

Italia senza Governo per colpa di Berlusconi e un èò Salvini













L' Italia attende un nuovo governo e non è detto che ci sarà. A bloccare tutto e Silvio Berlusconi con i suoi calcoli personali e di partito. Non vuole un alleanza con i 5Stelle e in automatico la riserca per questioni di numeri si chiama Partito Democratico. Dice non voler nemmeno loro ma per quanto detto prima sappiamo che è falso. A guardare i numeri si capisce anche perchè Berlusconi preferisce i Dem ai Grillini. I secondi con la Lega avrebbero la maggioranza assoluta e ciò renderebbe Forza Italia ininfluente mentre lo stesso non sarebbe con il Pd che ha la metà dei seggi dei pentastellati. Ora Mattarella deve decidere e ci si augura che tenga conto del fatto che gli italiani bocciando Renzi e Berlusconi e Alfano che hanno ottenuto risultati peggiori rispetto alle Politiche del 2013 e alle Europee del 2014 ovvero il Nazareno. Hanno vinto solo Lega e 5Stelle che hanno raggiunto i top storici e lo sa bene Martina marionetta di Renzi e il suo partito che si colloca all' opposizione per lanciarsi un una campagna elettorale permantente in vista delle Europee del prossimo anno.
Ma oerchè Salvini non rottama Silvio? Di cosa ha paura? Che tiri fuori un dossier come quello che ha distrutto Gianfranco Fini? Probaile! Di ceerto senza lui Fi non può governalre e non è detto che una spallata all' uomo di Arcore non arrivi lo stesso.


Articoli Correlati

mercoledì 4 aprile 2018

Gendarmeria a Bardonecchia in rappresaglia contro Recosol





La Gendarmeria francese invade la valle di Susa ed in particolare Bardonecchie a suo dire per controlli anti-terrorismo e in ottemperanza ad un accordo bilaterale Italia-Francia del 1990. Si suppone però che tale accordo giustifichi certi comportamenti solo in casi gravi ed estremi non ci paiono all' orizzonte, Si ha più l' impressione che si tratti di rappresaglia contro la Onlus Recosol che si occupa di assistenza ai migrandi. Recosolo lo scrorso 23 marzo denuncià pubblicamente la vicenda della migrante 31enne respinta alla frontiera francese dalla gendarmeria nonostante fosse in avanzato stato di gravidanza con un grave linfoma. Un atto di grave disumanità ed omissione di soccorso. Tutta la politica nazionale reagisce sdegnata, ma cosa farò il futuro governo? Sia Di Maio che Salvini condividono la politica di alcuni paesi di chiudere le frontiere contro i migranti.
Giovà ricordare che il 23 dicemnre 2016 fù ucciso a Milano Anis Amri che pochi giorni prima  Berlino avcve uccisa 80 persone con un camion in un attentato. Entrò in Italia passando da Bardonecchia pur essendo ricercato. Cose fece all' epoca la Gendarmeria? Dovremmo pensare che non li vpgliono a casa loro ma lasciano venire i loro in casa nostra? La Francia ci porti rispetto!!!
Articoli Correlati

Di Maio e Salvini intrappolati dalle promesse elettorali

Di Maio e salcini sono intrapppolati dalle proprie promese elettorali e non solo. Il primo deve realizzare il reddito di cittadinanza, il secondo la flat tax e non si trovano del tutto d' accordo ma ci provano. Il pentastellato non vuole governare con Berlusconi e ha già fatto la lista dei ministri. Salvini non può scaricare Berlusconi ma il centrodestra non ha i numeri per goveranare da solo. Salvini potrebbe governare solo con i 5 stelle ma gli elettori non glielo pewrdonerebbero. Cosa accadrà? Semplice dovranno trovare un inciucio o si cambia la legge elettorale esi torna al voto pagheranno dazzio entramni. Mattarella intanto dorme, Oggi inizia le consultazione con molto ritardo. Avrebbe fatto meglio a cominciare prima. Gli unici furbi sono nel Pd che si defila da tutto e si mette all' opposizione lasciando la patata bollente agli altri due. Berlusconi ha tentato un dialogo ma ha ricevuto picche, Non ha i uumeri per incicuaciare da solo con il Pd e la Lega lo scaricherebbe azzerando Forza Italia ormai in enosabile declino! Di Maio e Salvini quindi sono due sprovveduti vittime del loro stesso populismo elettorale. Impareranno la lezione? OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

venerdì 9 febbraio 2018

Elezionin, sondaggi inutili, partita ultra incerta. L' unica certezza l' ingovernabilità!

Guardate il sondaggio sopra di Ixè che non si limita alle intenzioni di voto ma si estende ai bacini potenziali calcolando la perceuntuale massima raggiungibile dai parti ottenuta in rapporto tra le citazioni nelle risposte e il totale degli intervistati. Vediamo che il PD puà pareggiare i 5 stesste ed è in ripresa dopo Macerata. Il centro destra con Fi che nel potenziale scende da 29 a 23 e la Laga giù da 25 a 16. Ma sopratutto la cosa più evidente è che su un bacino di 50 milioni di elettori in cui solo 30 milionin manifestano un intenzione di voto e 20 milioni sono per ora indeci tra astenzione o meno, riuslta che solo 18 milionin di voti sonon certi mentre gli altri 12 milioni che esprimono una intenzione considerano anche altri partiti. Dunque tutto moltop aperto. Il primo parttio ovvero il Movimento 5 stella và da un minimo di 4,7 milioni ad un massimo di 9,9 milionin di voti ovvero meno da 1/4 a 1/2 dell' astenzione. 5 milioni ii voti in ballo tra PD, LeU e Potere al Popolo nonostante l'oscurantismo dei media rischia di arrivare dai 500 mila certi a quasi 2 milioni (4% ovvero sopra la soglia di sbarramanto) e con almeno un 1/4 degli astensionisti in teoria potrebbe vincere e governare. la considerazione vale per tutte le 19 liste presenti sulla scheda elettorale. Per la cronaca 1,8 milionin di voti in ballo nel cdx fra Fi ed alleati con Noi per l ?tyalia senza posibilità di crescita. Allora siamo di fronte auna netta possibilità di cambiamento ma a patto che nessuno si astenge e tutti puntino ad un voto di rappresentatività ed eventuale protensta premiando partiti non appartenenti ai tre schieramentei principali (Pd+alleati, Centrodestra e 5Stelle). Una cosa è certa nessuno potrà governare a meno che non accada il miracolo del voto di protesta che fà accedere anche le piccole liste ai seggi nei collegi uninominali allargando così le possibili alleanze e modificando la corrente di pensiero di chi ha già governato, fallendo, in queste o in precedenti legislature! OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

venerdì 12 gennaio 2018

Centrodestra spaccato sulla Fornero, Vaccinin e Regione Lazio. Flat Tax sconto ai ricchi, proposta già fallita con l' Ires!

Il centro-destra si divide in campagna elettorale sulle solite piroette di Berlusconi che prima parla di abolire la legge Fornero che lui votò sostenendo Monti e poi corregge in semplice revisione. Salvini non ci stà e ne pretende l' abolizione. Forza frena sui la lega sull' abolizione dell' obbligo vaccinale. E' scontro. Divisi anche sul candidato alla presidenza della Regione Lazio dove la Meloni pretende di scegliere il nome. Berlusconi sostiene che il reddito di cittandinanza e quello di dignità siano differenti sostenendo in effetti che il secondo esclude chi ha redditi inferiori ai 7-800€. Se hai un reddito minimo ti aiuta altrimenti ti abbandona. Ma ciò che più aquote e la Flat Tax che diventa un regalo ai più ricchi mentre non cambia quasi nulla per i poveri a quiali andrebbe tolra del tutto l' irpef! E' le risorse? Non si menzionano ed è ovvio che non esistono. Votare questa gente sarebbe veramente stupido! Una Flat tax sarebbe un fallimento come lo è stata l' Ires (la tassa sui redditi di impresea) ora al 29% per tutti che sostituì l' Irpeg che era a scaglioni. Le multinazionali hanno schiacciato le Piccole e Medie Imprese. Già perchè un piccolo artigiano ha la stessa tassazione di Fiat, Google e comany che non pagano nemmeno tutte le tasse in Italia!!! Articoli Correlati

laovoro gazzetta del mezzogiorno

laovoro gazzetta del mezzogiorno
annuncio di lavoro

Seguimi su Twitter