domenica 9 settembre 2012

Sarah Scazzi: dopo la pausa estiva nascono nuovi gruppi innocentisti su Facebook




Dopo quasi due mesi di pausa stà per tornare  in aula la Corte di Assise che dovtrà decidere chi ha ucciso Sarah Scazzi frà Michele Misseri o la figlia Sabrina e la moglie Cosima Serrano. Intanto in TV è ripartito lo show del dolore con un una nuova intervista della madre della ragazza uccisa Concetta Serrano. Un ' intervista  che ha il sapore da una parte di sfruttamento mediatico del dolore e dall' altra di una messa in scena della parte civile ed in partioolare dei suoi avvocati nel vacuo tentativo di convincere i giudici popolari della colpevolezza delle due donne. Dopo sette mesi di processo e 21 udienze, sono sfilati tutti i testi dell' accusa senza che   questa abbia ottenuto granchè, anzi, il movente della gelosia pare essere caduto del tutto e gli orari restano quantomeno incerti per non dire che non vi è quasi più traccia di retrodatazione. Il sequestro sembra essere sempre di più un sogno e sono emersi alcuni elementi a supporto delle autoaccuse di Michele Misseri. Tutto questo pur non mutando le posizioni delle parti in causa sembra aver destato perplessità nei PM e negli avvocati della famiglia Scazzi mentre al contrario i giurati sembrano avere le idee abbastanza chiare.
Anche su social network si sente che qualcosa è cambiato rispetto a 1 anno fà: si moltiplicano gli innocentisti e nascono due nuovi gruppi Facebook:
Giustizia Italiana: Sabrina Misseri e Cosima Serrano innocenti  (vedi foto)  e Noi che crediamo nella giustizia per Sarah Scazzi oltre quelli già esistenti. Nel frattempo invece sono stati chiusi alcuni gruppi colpevolisti che sembrano ancora crederte a qualche asso nella manica delle procura e non si rassegnano al fatto che ora la parola passi alla difesa. Dunque si torna in autla il 18 settembre o forse il 25  a causs di uno sciopero degli avvocati penalisti indetto dalla UCPI dal 17 al 21 settebre. Nella prossima udienza parleranno gli imputati e poi si incomincerà con i testi della difesa  partire da una consulente di Cosimo Cosma sull' autopsia.

sabato 21 luglio 2012

Sarah Scazzi, Saetta desaparecido e il canile che non c'è!



Fino a pochi giorni prima del processo si parlava del famoso canile che Claudio Scazzi voleva dedicare alla sorella assassinata. Raccolse fino allo scorso gennaio 7000€ mentre il Comune di Avetrana diceva che ne servivano 400000€ e il canile non si sarebbe mai fatto. Claudio arrivò  fare un calendario con l' aiuto di Lele Mora ora in carcere a San Vittore. Risultato? Non si sà nulla dei soldi e dei proventi del calendario che fece molte polemiche. Il Canile non c'è ancora a quanto pare e i medie che ne parlarono lo hanno lasciato nel dimenticatoio. E i soldi? In tst a Claudio che ora prova ad arricchirsi con un libro.
Anche il cane Saetta una volta conteso fra canili in cerca di soldi e poi finito nelle mani della teste dell' accusa Anna Pisanò è scomparso. L'avetranese infatti, qualche mese fà, disse non riuscire più a mntenerlo e che doveva darla via, Dove è finito? Mah...
L' unica cosa certa che rimane è la speculazione di certa gentaglia compresa la giunta comunale avetranese che ci imbastì sopra la campagna elettorale, e dei media, nonchè di certi colpevolisti su Faceook. Nemmeno loro ricordano più il canile e Saetta.

Votalo su OK Notizie

Articoli Correlati

lunedì 9 luglio 2012

Stop a questa classe politica corrotta e inefficiente.

Un video inequivocabile che spiega fedelemente perchè si deve abbattere questa classe politco-dirigente! Diffondilo!

Ecco perchè dobbiamo cancellare questa classe politica.
Rispetto al video però propongo l' abolizione delle regioni invece e delle province e la creazione di province distretto come in Francia e Germania. 
OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

domenica 17 giugno 2012

Allarme GdF su truffa telefonica in atto! Leggete la comunucazione


Non è la prima volta che mi ritrovo questo allarme su Facebook per cui fatelo girare. Il prefisso è della provincia di Asti. Come potete vedere il comunica è originale delle fiamme gialle.


OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

mercoledì 13 giugno 2012

Mauro Moretti minaccia l' interruzione del servizio treni regionali Ci prende in giro e ci cascano tutti come allocchi. Comprese la assoconsumatori

L' Ad di Trenitalia Mauro Moretti ha dichiarato  “Nel 2013 se non ci saranno soldi a bilancio non faremo il servizio regionale” ed ha aggiunto “Non so cosa farà l’Authority, l’unica cosa che potremo fare noi sarà interrompere il servizio. Magari verremo denunciati per interruzione di servizio, ma poi vedremo come andrà a finire” . Ha poi snocciolato paragoni con i servizi regionali del resto d' Europa e con i bus:  I “ricavi per passeggero/chilometro in Italia sono di 10,8 centesimi di euro contro i 17,2 centesimi del trasporto su gomma”. In Germania e in Francia i rispettivi ricavi sono di 20 e 22 centesimi per passeggero/chilometro. Altro discorso per l’Inghilterra, dove i ricavi variano dai 33 ai 42 centesimi.
E le reazioni sono state le più scontate che si potessero avere. Per il Codacons “se Moretti si interessasse un po’ meno dei Frecciarossa e un po’ di più dei treni dei pendolari, troverebbe come finanziare il servizio universale senza bisogno di fare proclami e lanciare minacce”. Federconsumatori e Adusbef commentano: “il servizio regionale rappresenta il 90% del trasporto ferroviario e viene utilizzato dalla stragrande maggioranza dei pendolari italiani. Ci aspetteremmo quindi che, in mancanza di fondi, non si bloccasse il trasporto regionale ma si rassegnassero le dimissioni da parte dell’intero gruppo dirigente delle Ferrovie dello Stato” ed infine la risposta del ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera: “Ci stiamo occupando più che abbastanza del trasporto pubblico locale". Come dire che si potrebbe mandare a quel paese tutto quanto.
Ma nessuno ha capito che Moretti come al solito dimostra di non capire un fico secco di trasporto ferroviario e chi gli ha replicato di capirne ancora meno. Ma andiamo con ordine: 20 o più centesimi a km passeggero in Italia sono improponibili per due motivi: gli stipendi degli italiano sono molto più bassi del resto d' europa e 20 centesimi significa una tariffa da Frecciarossa in seconda classe. Inoltre se analizziamo le tariffe commerciali Trenitalia notiamo che variano fr i 10 e 20 centesimi di euro per Km/passeggero.

Il secondo motivo è la cattiva distribuzione dei soldi delle regioni. E' ora di fare i bilanci per singola linea e capire che non è necessario sovvenzionare tutte le linee regionali e tutti treni allo stesso modo. I treni delle principali linee hanno più passeggeri e vanno sovvenzionati meno, anzi nelle ore di punta non andrebbero sovvenzionati affatto considerato che viaggiano stracolmi e quindi si ripagano da sè. Bisogna smetterla con la rigida equzione regionale=pendolare/studente; esistono i viaggiatori casuali che pagano il biglietto intero e bisogna aumentarli sottraendoli alla gomma. Sarebbe il caso di imitare e incentivare iniziative come il Lombardia Exress di Trenord che collega Milano a Varese e Bergamo in tempi rapidi alla tariffa fissa di €12. 
Inoltre pendolari e studenti oltre a non essere la maggioranza assoluta degli utenti (ma solo relativa) sono abbonati e fanno calare i ricavi. Forse bisognerebbe sperimentare la sovvenzione dei soli abbonamenti (o principalmente degli abbonamenti) e lasciare a commercio le tariffe dei singoli biglietti pur ponendo tetti ragionevoli ai prezzi dei biglietti. Si passi all' equazione regionale=collettore traffico medio lunga percorrenza ed appendice dello stesso. Si consideri il sistema di trasporto pubblico u gomma (bus e simili) come complementare e non sostitutivo del ferro. Aboliamo i bus sulle stesse tratte dei treni e investiamo nel tram-treno, ecc. A questo proposito vi rimando alla lettura del mio precedente articolo Salviamo e Rilanciamo le ferrovie Piemontesi

OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

L' Omofobia c'è ma non condanniamo Cassano e non assolviamo Cecchi Paone.



E' esplosa una polemica assurda dopo la replica di Cassano ( "Se penso quello che dico sai che cosa viene fuori... mi auguro che non ci siano veramente froci in Nazionale") alle parole del conduttore tv Alessandro Cecchi Paone che alla presentazione del suo libro ha detto "Nella nazionale di Prandelli ci sono sicuramente due omosessuali, un bisessuale e tre metrosexual. Il resto sono sani etero sessuali, simpaticamente e normalmente rozzi" e successivamente il conduttore ha aggiunto di essere stato con uno degli azzurri.
L' Omofobia c'è ma non condanniamo Cassano e non assolviamo Cecchi Paone. Quest' ultimo ha sbagliato tempi e modi per lanciare il sasso nello stagno. Non può entrare così a gamba tesa in una nazionale già provata dall' ennesima calciopoli male amministrata dai PM che inopportunamente e irrispettosamente verso la nazionale effettuano arresti inutili (vista le tenuità dei reati) nonchè sintomo di insicurezza dei PM (serve solo a capire le mosse della difesa) e che potevano essere anticipati di mesi o rinviati a dopo Euro2012. Una nazionale data per sicura perdente contro la Spagna contro la quale ha invece strappato un pareggio che poteva essere vittoria. I giocatori hanno bisogno di serenità per affrontare l' europeo e non di angoscia verso un verso un certo gossip che senza nomi additerebbe tutta la nazionale come gay mettendola alla berlina in nome del dio danaro. Anche se nell' essere gay non vi è nulla di male, l' omofobia c'è ed essere additati come gay peggio ancora se solo per un sospetto, comporta il dover subire una discriminazione, una sorta di diffamazione dalla quale è legittimo difendersi.  Il comportamento di Cecchi Paone rischia di destabilizzare la nazionale, legittima e comprensibile anche se scomposta e forse sbagliata la reazione di Cassano. Sono d' accordo con l' ex portiere azzurro Stefano Tacconi che sostiene debba essere Paone a scusarsi con la federazione non Antonio Cassano. 

OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

venerdì 8 giugno 2012

Salviamo e Rilanciamo le ferrovie Piemontesi




A seguito della decisone della Regione Piemonte di chiudere 12 linee ferroviarie regionali o inviato all' assessore ai trasporti una lettera-petizione con dei suggerimenti per rilanciare il trasporto ferroviario in Piemonte. Aderite numerosi anche da altre regioni. Ecco il testo.

All' attenzione
dell' Assessore ai Trasporti Reg. Piemonte
Barbara Bonino
 Gentilissima assessore,
                                           mi permetto di scriverle perchè recentemente ho letto articoli di stampa in base al quale si percepisce uno sfascio totale delle ferrovie piemontesi dovuta all' ostinazione della sua giunta di volere a tutti i costi Trenitalia come vettore e a non avere altri interessi oltre l' inutile Tav. Inutile perchè tutti gli studi economici indicano un costo eccessivo ed abbondantemente superiore ai ricavi quindi un opera con un elevato rischio di margine negativo o in ogni caso con pedaggi esosi e non competitivi. Si consideri inoltre che la maggior parte del corrdoio 5 non sarà AV ma solo AC come il caso delle tratta ungherese, di quella croata e come deciso recentemente dal governo portoghese la Lisbona-Madrid. Perchè noi dovremmo essere gli unici o quasi a fare una tratta ad Alta Velocità.
Sarebbe più utile a mio avviso rilanciare un vecchio progetto degli anni '90 alternativo alla Tav che prevedeva alcune rettifiche alla linea storica con velocità di percorrenza elevata a 220Km/h quindi adatta agli attuali ETR600/463 Frecciargento.  
In ogni caso a prescindere dal progetto messo in cantiere non un Tir verrebbe smosso se contemporaneamente si raddoppia il tunnel autostradale del Frejus e non si attuano politiche atte contingentare il traffico su ferro invece che su gomma come accaduto nella vicina Svizzere dalla avremmo solo da imparare.
Ma come dicevo le ferrovie piemontesi non sono solo tav: ho appreso che avete bloccato i fondi per il raddoppio della Torino-Pinerolo, un atto disdicevole e che mi auguro venga ripensato. Oggi più che mai e volendo essere in linea con la UE occorre sostenere il progetto del Sistema Ferroviario Metropolitano di Torino ed accellerarlo per uscire dalla crisi. Molti studi economici indicano un buon trasporto pubblico come fattore principare della crescita del Pil.
Infine il colpo di grazia lo avete dato con la delibera che sancisce la chiusura di ben 12 linee ferroviare locali. Trovo che sia un atto vergognoso. Bisognerebbe fare come in altre regioni è creare una impresa che gestisse queste linee in concessione. Potrebbe essere ad esempio la GTT o una nuova impresa con a capo la GTT.
Suggerisco eliminare ovunque la concorrenza su gomma, estendendo quindi a tutte le linee l' esperimento della Vercelli-Casale e della Varallo Sesia-Novara. Per non danneggiare i vettori su gomma questi potrebbero entrare nella nuova società che opererebbe su ferro al posto di Trenitalia.
I treni di queste linee andrebbero gestiti con orari cadenzati in coincidenza con i treni della Torino-Milano, Novara-Domodossola, Torino-Genova, Torino-Savona, Torino-Piacenza e Genova-Milano.
Ci vorrebbero infine una serie di accorgimenti come prolungare fino a Torino Stura i treni della Asti-Chivasso, a Cavallermaggiore quelli della Alessandria-Castagnole e a Carmagnola quelli della Asti-Alba facedo un tutt' uno con la Bra-Carmagnola.
Si potrebbero deviare sulla Savigliano-Saluzzo-Cuneo (magari elettrificandola) i regionali Torino-Cuneo estendendoli a Limone Piemonte. Per non scoprire Fossano i regionali Cuneo-Fossano vv, verrebbero estesi a Savigliano. Sempre su Savigliano andrebbero estesi i treni della Ceva-Ormea con fermate in tutte le stazioni alleggerendo i regionali veloci Torino-Savona. Si potrebbe altresì inserire il tutto in anello di collegamento con la Liguria del tipo Torino-Savigliano-Saluzzo-Cuneo-Ventimiglia-Savona-Fossano-Torino. I treni della Cuneo-Mondovì potrebbero essere estesi a Savona con fermate in tutte le stazioni.
I treni della Alessandria-Ovada potrebbero essere estesi verso Genova Borzoli-Voltri. Sarebbe utile sia ai pendolari che ai turisti balneari. La Novi-Tortona andrebbe gestita come Arquata S.- Voghera
 (linea lenta) consentendo agli abitanti del tratto Arquata-Tortona di raggiungere Torino, Milano, Genova e Piacenza con un solo cambio anzichè due. La linea Casale- Vercelli la accorperei in una Asti-Casale-Mortara e la Asti-Mortara la sostituirei con una relazione Casale-Mortara-Pavia.
La Varallo Sesia-Novara la estenderei almeno a Rho Fiera o Milano Certosa o in alternativa e in accordo con la Lombardia la farei diventare estensione della linea S Novara-Milano. Infine la Santhià-Arona la gestirei in estensione a Torino migliorando il collegamento del capoluogo con Domodossola e Svizzera non obbligando più i torinesi ad allungare fino a Novara o Milano. 
Tutto ciò appare costoso ma in realtà sarebbe tutto coperto dal taglio delle linee su gomma nelle tratte interessate (estensioni incluse) e altri fondi arriverebbero dalla revisione del progetto Tav e dal non raddoppio del Frejus.
Certo di aver fatto cosa gradita la ringrazio per l' attenzione e porgo i miei più Cordiali Saluti.


OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

mercoledì 30 maggio 2012

Soldati boicottate la parata del 2 giugno. I 4 milioni vadano ai terremotati e andate a sgombrare macerie!

Un paio di giorni fà su Faceook si è diffusa questa iniziativa: 


INVIAMO UNA MAIL A:
presidenza.repubblica@quirinale.it
Egregio Presidente Giorgio Napolitano,
Lei ha chiesto ai giovani di aprire porte e finestre, anche qualora le trovassero chiuse.
... Le chiediamo con tutto il rispetto di dare l’esempio: apra porte e finestre alla solidarietà; trasformi il 2 giugno da festa della Repubblica militare a festa della Repubblica solidale.
Annulli la parata, che l’anno scorso era costata 4,4 milioni di euro e che secondo il ministero della Difesa quest’anno costerà quasi 3 milioni di euro.
Quei denari siano investiti in opere di solidarietà con la popolazione stremata dal terremoto e quei contingenti chiamati a sfilare vengano utilizzati nelle zone bisognose di aiuti.
Grazie con tutto il cuore,
firma
COPIA E INCOLLA

 ·  ·  · Ieri alle ore 18.00
Una iniziativa mirata a sensibilizzare il Presidente della Repubblica e la politica in generale a occuparsi di terremotati Emiliani ed in particolare a razionalizzare le spese e trasformarle in aiuti alle popolazioni colpite dal sisma.
Si chiedeva in particolare di rinunciare per quest' anno alla tradizionale parata militare del 2 giugno e risparmiare così 4 milioni di euro da destinarsi appunto in Emilia Romagna.

Il presidente della Repubblica non è intervenuto e il premier Monti ha detto che la parata è irrinunciabile. Dunque in barba alla volontà degli italiani, alla Democrazia, alla crisi ed ai poveri terremotati senza casa e lavoro, la Festa della Repubblica diventa Festa del Capitalismo e dello Spreco.
A questo punto mi appello a tutti i militari che dovrebbero sfilare e li invito a boicottare l' evento e andare in Emilia e a l' Aquila a sgombrare le macerie. Lì sarebbero più utili e patriottici.
 A tutti voi dico di continuare a scrivere con forza al Presidente affinchè si ravveda e nel caso malaugurato non lo faccia, tutti alla parate a fischiare e schernire istituzioni ed esercito. 
Se siete d' accordo condividete questo post su tutto i social network in cui siete iscritti. 

Uno scempio inaccettabile e un insulto al popolo. Perchè il sacrificio dobbiamo farlo solo noi? E perchè per loro è cosi grave non fare la parata? Vergogna.
Ancora oggi il Governo non solo non ha preso provvedimenti per l' Emilia ma non ha ritirato la proposta di Monti secondo la quale lo stato non dovrebbe più risarcire il popolo per le calamità naturali e dovremmo tutti assicurarci, giusto per riempire le casse di banche e assicurazioni come se non bastasse la RC auto. 


OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

lunedì 28 maggio 2012

Asilo Rignano Flaminio: assolti 5 imputati. Violenze frutto di suggestione genitoriale


La Corte d' Assise del Tribunale di Tivoli (Roma) al termine del processo di primo grado ha assolto a formula piena perchè il fatto non sussiste i 5 imputati fra i quali tre maestre Marisa Pucci (54 anni), Silvana Magalotti (57) e Patrizia Del Meglio (57), il marito di quest'ultima, l'autore tv Gianfranco Scancarello (56) e la bidella Cristina Lunerti (46) tutti accusati di violenza sessuale di gruppo, maltrattamenti, corruzione di minore, sequestro di persona, atti osceni, sequestro di incapace nell'anno 2005/06 nei confronti di 21 bambini della scuola materna "Olga Rovere" di Rignano flaminio. Secondo la corte dunque non ci sarebbe stata alcuna violenza e i bambini sarebbero stati suggestionati dai propri genitori. Proteste da parte dei genitori increduli e scene di esultanza da parte degli imputati e loro parenti ed amici.
La vicenda iniziò nel luglio 2006 quando tre genitori notando presunte stranezze comportamentali dei rispettivi figli fra i 3 e i 5 anni, presentarono denuncia alla Polizia. Subito si innescò una psicosi fra i genitori che iniziarono a sottoporre i bambini ad estenuanti interrogatori. Alcuni di loro si associarono ai denuncianti altri invece si dissociarono in difesa delle maestre e il paesino si spaccò in due. Solo dopo 9 mesi di indagine si arrivò a degli avvisi di garanzia nei confronti dei 5 imputati che furono messi agli attesti cautelari. I difensori presentarono ricorso e furono scarcerati dal Tribunale del Riesame. Alla successiva impugnazione proposta dei PM, la Corte di Cassazione confermò l' insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza sostenendo che i bambini erano stati suggestionati dai genitori e che i loro erano quindi inidonei come prove dell''esistenza della violenza.
L' anno successivo il Gip dispone di reinterrogare i 21 ventuno bambini con la formula dell' incidente probatorio per congelarne i racconti come prova. Nel luglio 2009 il rinvio a giudizio e nel 2010 l' inizio del processo a porte chiuse con oltre 400 testimoni e una perizia che stabilisce che i bambini hanno subito un trauma da stress da interrogatorio.
Oggi l' epilogo del primo grado dopo ben 6 anni dall' inizio della vicenda. I PM chiedevano condanne a 12 anni per i 5 imputati che hanno sempre negato ogni addebito e professato la propria innocenza.
Come non bastasse un altro processo connesso stà pèr cominciare contro una donna slovena - proprietaria del «castello cattivissimo» riconosciuto da alcuni bambini - e sulle responsabilità di altre due maestre. Staremo a vedere.
Comunque vada viene da pensare al processo Scazzi per certi versi simile con la Cassazione che ha dato ragione alla difesa e dove visto l' andazzo non si può escludere un finale a sorpresa con assoluzione per le due imputate, al termine di un processo a porte semichiuse con 300 testimoni e un secondo processo per atti connessi che inizierà dopo la sentenza di primo grado del primo. Guarda caso gli imputati di Rignano Flaminio sono difesi da Francesca Coppi, dal padre Franco Coppi e Roberto Borgongo: gli ultimi due figurano anche nel pool difensivo di Sabrina Misseri. Coppi aveva anche ottenuto un mese fà l' assoluzione in Appello di Raniero Busco condannato in primo grado a 24 anni per il delitto di Simonetta Cesaroni conosciuto anche come il delitto di Via Poma. Che non ci sia un proverbiale due senza tre?  


OkNotizie Votalo su OK Notizie

Articoli Correlati

sabato 19 maggio 2012

Attentato Brindisi, matrice politica collegata alle amministrative. La solita strategia della tensione.

In alto a sinistra la vittima Melissa Bassi, sullo sfonfo il luogo dell' attentato.

Stamane come ben sapete, a Brindisi si è consumato un turpe attentato costato la vita alla studentessa 16enne Melissa Bassi e ridotto in fin di vita una sua coetanea.  Feriti altri 7 studenti di cui 4 in modo grave ma non in pericolo di vita. Un ordigno composto di 3 bombole Gpl con tanto si timer e comando a distanza è stata fatta esplodere davanti ad un cancello secondario dell' Istituto Professionale per il Turismo Falcone&Morvillo. Il nome della scuola intitolata al giudice Falcone e a sua moglie uccisi nel 92 con un attentato dinamitardo a Capaci (TP), la coincidenza con la ricorrenza dell' anniversario di quella strage, il fatto che a Brindisi si era tenuta una manifestazione anti-mafia e un altra era in programma stamane proprio davanti a quella scuola (annullata ed evacuate tutte le scuole della città) e le recenti operazioni della procura contro la Sacra Corona Unita (mafia pugliese) farebbero pensare alla pista mafiosa. Ma mi sembra non essere esattamente così.
Le modalità dell' attentato non paiono in gesto dimostrativo ma un atto per uccidere, basti pensare che l' esplosione è avvenuta con precisione svizzera all' arrivo dell' autobus con a bordo gli studenti e che il cassonetto contenente l' ordigno è stato spostato per avvinarlo al percorso dei ragazzi.
La tipologia di vittime scelta è insolita per le vendette trasversali anche se non si può non ricordare il piccolo Di Matteo (anch' egli 16enne come Melissa) ucciso e sciolto nell' acido da Giovanni Brusca, autore materiale proprio della strage di Capaci.
Tuttavia non si può nemmeno non pensare che domani si vota per i ballottaggi alle amministrative che hanno visto la liquefazione dei partiti e il trionfo del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Lo stesso ex comico genovese, accusato di antipolitica, fece scalpore in chiusura di campagna elettorale con la frase "i partiti sono peggio della mafia..."  e a Brindisi lo scossone si è sentito al primo turno con la vittoria del candidato di centro-sinistra dopo anni di governo di centro-destra. Non possiamo nemmeno dimenticare che fra i tanti ballottaggi c'è anche quello di Palermo con l' exploit di Leoluca Orlando (IdV) vittorioso con il 47% dei consensi, molti dei quali provenienti dal centro-destra per anni riferimento della mafia in Sicilia.
E' ovvio che la mafia centra, ha interessi indiretti ora minati dalla frammentazione del voto a un anno dalle prossime politiche e conseguentemente ci ha messo la manovalanza, ma in realtà questa tragedia giova a tutti i partiti ed in particolare ai sostenitori del Governo Monti. Ora i partiti, tutti pronti a condannare all' unisono senza se e senza ma, ma senza distinguo, come in un pensiero unico, appaiono più compatti e patriottici, indi più credibili e votabili. Ma è solo apparenza. Questo attentato è un nuova strategia della tensione, un copione già visto negli scorsi decenni; concordato tra mafia, politica, finanza e imprenditoria con la complicità dei servizi segreti.  Un gesto vile per non dover parlare di crisi, conseguenti suicidi, proteste e cosidetta anti-politica (che in realtà è vera politica) e fermare Beppe Grillo con Pizzarotti dato per vincente nei sondaggi al ballottaggio di Parma, guarda caso altra città che passa al centro-sinistra dopo anni di governo di centro-destra. 

Dunque amici non protestate solo contro la mafia ma anche contro lo Stato e il Governa. Non fatevi intimidire e non mollate. Continuate sulla strada intrapresa 14 giorni fà al primo turno delle amministrative. Diffondete quest' articolo e fate fallire il progetti meschino e subdolo messo in atto dalla politica.


OkNotizieVotalo su OK Notizie

Articoli Correlati

lunedì 7 maggio 2012

Amministrative: crolla il PdL, flette la Lega, vola Grillo e tengono tutti gli altri. Risultati in tempo reale.



In questo week-end ben 9 milioni di italiani sono stati chiamati al voto alle amministrative in oltre 600 comuni di cui 26 capoluogo di provincia. I risultati sono quelli attesi. Flette leggermente la Lega Nord, tiene il centro-sinistra con lieve crescita dell' Idv,, crolla il PdL che tà ovunue otto il 20% e che trascina con sè gli alleati e tiene anche il Terzo Polo almeno dove non è alleato con il PdL. Ma la vera sorpresa è Beppe Grillo ovunque sopra il 10% , a Cuneo sorpassa la Lega, a Belluno è secondo partito dietro il PD, a Parma (22%) e forse anche a Genova và al ballottaggio. A Palermo, il candidato dell' IdV (17%), Leoluca Orlando arriva primo con buona parte dei voti del centro destra che praticano molto voto disgiunto (1 su 2 vota Orlando) e và al ballottaggio con   il candidato del PD. Nei capoluuoghi solo Tosi (Lega) si conferma al primo turno a Verona ma con una lista civica che porta il suo nome e fà il 37% mentre la Lega si ferma al 6%  sorpassata da Grillo 11%.
Vendola un pò sotto le previsioni al pari con la Federazione della Sinistra ma entrambe faticano a prendere voti al Nord. Spopolano anche le liste civiche che in molti casi fanno meglio dei partiti.
In definitiva vince l' alternativa alla destra e a Monti decisamente bocciato e Grillo comincia a far paura e sottrae tantissimi voti sopratutto a destra. I poitici ora si interrogano su Grillo che preoccupa sopratutto a destra mentre il PD si rilassa e l' IdV dichiara fallito il Governo che sui dati elettorali glissa e si chiude nel silenzio, Nel Pdl si leccano le ferite e cercano futili scuse, Alfano: "prezzo per bene paese". Esultano ovviamente i Grillini.
Ai ballottaggi si prevede una larghissima vittoria del centrosinistra in vantaggio quasi ovunque. 
Risultati Elezioni Amministrative 2012





Articoli Correlati

domenica 6 maggio 2012

Juventus Campione d' Italia per la 30a volta!


La Juventus dopo 6 anni torna a vincere, con una giornata di anticipo, lo Scudetto. E' campione d' Italia. I bianconeri vincono per 2-0 contro il Cagliari sul campo neutro di Trieste con gol di Vicinic al 6' e autorete di Canini al 74' mentre l' Inter batte nel derby il Milan per 4-2. I gol: Inter in vantaggio con Milito al 14' poi Ibrahimovic ribalta il risultato con una doppietta al 44' e al 46' (R) ma i nerazzurri non si arrendono e risponde prima con doppietta di Milito su rigore al 52' all' 80' e poi con Maicon all' 87'.
28esimo scudetto meritatissimo per la Vecchia Signora, (il primo per Conte alla sua prima stagione bianconera da allenatore) e che sarebbe il 30esimo senza i due revocati per calciopoli e Inter quarta a 58 punti. La ora potrebbe ottenere un altro record: chiudere imbattuta il campionato. Con lo scudetto ottimo battesimo anche per il nuovo stadio alla sua prima stagione!
Articoli Correlati

mercoledì 2 maggio 2012

Accusata di furto prende a calci il figlio neonato per protesta: foto shock!



E' accaduto  due anni fà ma si viene a sapere solo oggi. Una donna accusata di aver rubato un cellulare, per protesta ha gettato il figlio neonato sull' asfalto in strada e lo ha preso a calci e pestoni.
Il fatto si è verificato a a Zhengzhou, nella provincia di Henan. Due donne, con i rispettivi bambini, sono state fermate in pieno centro della città e accusate da una studentessa di averle rubato il telefonino. Nè scoppiata una rissa e una delle due donne, come detto, ha pestato il figlio.
Successivamente la polizia ha sedato la rissa ma ha lasciato il bambino (fortunatamente illeso) a piangere per terra per oltre mezz'ora. Le donne sono state arrestate anche per l' accusa di rapina: pare vi siano dei testimoni.


Articoli Correlati

lunedì 30 aprile 2012

Crisi: in Grecia 1725 suicidi, in Italia "solo" 362 e Full Mario Monti se ne compiace.


"La responsabilità morale di questi suicidi è del Governo - ha attaccato parlando con i giornalisti a Napoli - Quest'esecutivo sta facendo una politica per mantenere i privilegi dei più ricchi e degli speculatori e sta scaricando i costi della crisi su lavoratori pensionati e giovani"  a dirlo è il segretario della Federazione della Sinistra, Paolo Ferrero, e non si può non condividere questa sua affermazione.Monti e il suo Governo continuano però imperterriti nel loro percorso distruttivo e se ne compiacciono. Infatti in una intervista televisiva Full Mario Monti (soprannome da me coniato visto che ci ha spogliato fino alle mutande comprese) nel giorno del suicidio di un portiere di Napoli, afferma:   "Per colpa della crisi talvolta persone si tolgono la vita. Ma senza il lavoro di questi mesi saremmo stati nel baratro del default del debito sovrano" e fà riferimento alla Grecia. Uno schifo restare impassibile davanti ad una tale disperazione umana è perseverare in una politica distruttiva che stà uccidendo il paese in nome delle banche. Monti ha aggravato la crisi invece di invertire il trend e tutto per uno stupido spread. E anche su questo il governo ha fallito miseramente perchè il problema non erano i titoli italiani ma quelli tedeschi sopravvalutati.
Come se non bastasse ora và in soccorso della Merkel rimasta orfana di Sarkozi e insieme vorrebbero approvare il Fiscal Compact, un distruttivo piano fiscale che produrrà tagli per oltre 40 miliardi all'anno e una conseguente recessione nei prossimi vent'anni.
Per evitare tutto questo c'è un solo modo, mandarlo a casa votando alle amministrative di domenica 6 maggio Federazione della Sinistra o in alternativa Sel, IdV o Beppe Grillo.

domenica 29 aprile 2012

Caso Scazzi: la meschinità dei giornalisti arriva alla svendita dei minori.


Da qualche giorno e precisamente da martedì scorso dopo la 13esima udienza del processo per la morte di Sarah Scazzi, capita di trovare in rete giornalisti come Annalisa Latartara che scrivono articoli (come quello linkato quì) i cui attaccano duramente una 17enne come Antonella Spinelli della quale, legalmente parlando, per questioni di privacy, protezione e rispetto dei dititti del fanciullo,non dovrebbero nemmeno menzionare il nome. 
Capita anche che facciano di peggio, come ha fatto su Facebook (vedi foto, cliccarci sopra per ingrandirla), Filomena Rorro, noto volto della trasmissione Quarto Grado, spesso inviata da Avetrana.
Un attacco quello portato alla cugina di Sarah Scazzi e Sabrina Misseri, "rea" secondo i giornalisti di aver detto nel corso del suo interrogatorio "Sarah non era un angioletto, diceva molte parolacce e per questo Sabrina la sgridava", che non ha precedenti perchè mai prima d' ora la stampa si era accanita contro un minorenne per di più semplice testimone.
Un atteggiamento che mi disgusta fortemente soprattutto nel leggere il su menzionato articolo del Corriere del Mezzogiorno in cui si critica la ragazzina per essere innocentista nei confronti delle imputate e di averlo palesato pubblicamente anche attraverso l' adesione ad un gruppo Facebook nato per solidarietà nei confronti di Sabrina Misseri e di sua madre Cosima Serrano. I giornalisti sono i primi a dover tacere ora come han taciuto in passato quando nelle prime udienze emerso che la fidanzata di Ivano Russo, Virginia Coppola è iscritta al gruppo colpevolista Verità e Giustizia per Sarah Scazzi cosi come lo sono le sorelle Mariangela e Alessandra Spagnoletti. E' anche emerso che un altro teste importante come Antonio Petarra (risultato del tutto inattendibile) era tra coloro che esultavano all' arresto di Cosima, e anche su questo si è taciuto ovvero non si è criticato, anzi si attaccò la difesa chiedendosi perchè un teste iscritto a suddetto gruppo dovrebbe essere inattendibile, dimenticando che i membri di quel gruppo acquistarono dei fiori da porre sulla tomba di Sarah da un altro testimone importante pochi giorni dopo essere entrato nell' inchiesta. Cos' era? Un tentativo di subornazione, considerato che lo stesso fù dileggiato nei giorni successivi proprio si Facebook dai membri del gruppo?
A quanto pare per i giornalisti, chi palesa un opinione sbaglia solo se innocentista mentre il colpevolismo è salvaguardato perchè aiuta a fare audience e a vendere copie dei giornali quindi pubblicità quindi è logico vendersi una ragazzina di 17 anni.  O giornalisti sono in grado di spiegare questo inspiegabile doppiopesismo?



Incontra l' anima gemella
Amministrative maggio 2012,sondaggio elettorarale, crollano cdx, terzo polo e lega, volano Grillo, Di Pietro e Sinistra 
Articoli Correlati

lunedì 23 aprile 2012

Michaelmass si rinnova, tra petizioni e sondaggi, cambia volto.i

Per gli elettori di PD, PDL e Terzo Polo: è giusto che i vostri partiti sostengano Monti?
No dovrebbero mandarlo a casa
    Non so
      Si
       ·  ·  · 17 aprile alle ore 19.05

      Come avvete potuto notare ho modificato la grafica pere rendere il tutto più facile da leggere e più gradevole ma soprattutto più ricco. Da ora anche il link per il gruppo Facebook "Comunisti per la Democrazia" da me creato. Un gruppo nel quale potrete trovare molte iniziative e petizioni di varia natura politico sociale e sondaggi di vario genere
      Buona lettura a tutti e non dimenticate di partecipare al sondaggio elettorale a fondo pagina.


      Articoli Correlati

      venerdì 20 aprile 2012

      Intervista esclusiva Sabrina Misseri: Sarah come una sorella, avevo chiuso con Ivano, pronta ad incontrare zia Concetta!


      Dopo ben 18 mesi di carcere Sabrina Misseri rompe il silenzio e rilascia, tramite uno dei suoi avvocati, Nicola Marseglia, un intervista in esclusiva alla rivista "Di Più" che uscirà nei prossimi giorni.
      Parla della vita in carcere che trascorre leggendo libri e gli atti processuali che la riguardano, dice che spera di poter reggere e si sforza di partecipare alle attività organizzate dal penitenziario.
      Sostiene che quanto accadutole le abbia stravolto la vita peggio di una malattia.
      Ivano le piaceva e avrebbe voluto una storia con lui ma alla fine si rese conto che non era possibile e lasciò perdere. Non era un ossessione e la famosa serata in cui si appartò la rese nota il cugino Claudio Scazzi e non Sarah. Claudio secondo Sabrina era un pettegolo che amava impicciarsi degli affari altrui. In ogni caso la reale natura del suo rapporto con Ivano era noto a tutta la compagnia di amici con i quali non aveva segreti.
      Voleva bene a Sarah (della quale ha un ricordo molto vivo) che per lei era come una sorellina e si compiace del fatto che tutti i testi lo abbiano confermato compreso sua zia Concetta che si dice disposta ad incontrare e che ritiene non essere convinta della colpevolezza sua e di sua madre Cosima.
      Del padre dice che era incredula al momento della sua confessione, incredulità che è stata usata contro di lei, gesto per il quale si risente molto e il riferimento è ovviamente all' uso che i PM fanno della testimonianza della   Pisanò che deporrà al processo l' 8 maggio prossimo. Auspica che sulla chiamata in reità da parte del padre si faccia piena luce nel processo, sostiene che è successo qualcosa che và chiarito.
      Non ha rancore verso gli avetranesi anche se l' hanno giudicata e una volta scarcerata resterebbe ad Avetrana. Teme che l' opinione pubblica fuorviata dai media possa influenzare i giudici facendola condannare. Sà di molte persone ingiustamente condannate e riabilitate anni dopo: spera che non le accada la stessa cosa.
      Infine una stilettata hai media hanno stravolto e stravolgono tutt' ora le notizie e violano le disposizioni della Corte d' Assise di non riprenderla e divulgare le sue immagini.

      Amministrative maggio 2012,sondaggio elettorarale, crollano cdx, terzo polo e lega, volano Grillo, Di Pietro e Sinistra 
      Articoli Correlati

      mercoledì 11 aprile 2012

      Lega Nord: il triunvirato è marcio quanto il cerchio magico.

      In questi giorni la Lega è in fermento per via di un indagine da parte di ben 5 procure (Milano, Napoli, Reggio Calabria, Bologna e Genova) che hanno portato alla luce una gestione allegra delle casse del partito e i relativi rimborsi elettora pari a circa 300 milioni l' anno. In pratica Bossi, famiglia ed entourage avebbero fatto uso personale dei fondi del partito.
      In realtà ciò che stà avvenendo nel partito è anche una sorta di "mani pulite" interna con la quale il Triunvirato (Maroni, Tosi e Calderoli al quale si è aggiunto Cota) sfrutta strumentalmente l' inchiesta per ottenere la testa del Cerchi Magico (Bossi, il figlio Renzo, il cassiere Reguzzoni e la segretaria Rosy Mauro), le prime tre le hanno avute, l' ultima per ora resiste ma dovrà comunque lasciare la poltrona di vicepresidente della Camera dei Deputati.
      Ma perchè avviene ciò? Semplice perchè Bossi e co. sono troppo legati a Berlusconi ovvero rappresentano il cordone ombelicale Lega-Pdl e una parte del partito vorrebbe tagliare. Bossi dipende da Silvio per riconoscenza in quanto i suoi medici lo salvarono ed evitarono che restasse un vegetale quando ebbe il famoso ictus. A molti leghisti alla base del partito però non stà più bene l' alleanza mentre Bossi è riluttante a chiuderla, dunque il triunirato cerca di spodestare il vecchio leader.

      Ma il triunvirato è sporco pechè ha fatto parte del Governo Berlusconi e gli ha consentito di rovinare l' Italia e il nord ma sopratutto era ben conscio di cosa facesse il cerchio con i soldi della Lega e la verità non tarderà a venir fuori, Maroni è già un nome presente nell' inchiesta.
      Quello della Lega è uno sporco gioco elettorale, una prova di scissione indolore è il perchè stà in questo sondaggio-simulazione in tal caso il triunviro avrebbe il 5,9%, Bossi il 6,9% e quindi separati si và ben oltre l'8-9% attuale e si avrebbero più rimborsi elettorali. Tuttavia ora la Lega perde 3 punti e cala sotto il 6% complessivo.

      Insomma una presa in giro specialmente ai propri elettori: signori questa è la vera Lega Nord. 
      Amministrative maggio 2012,sondaggio elettorarale, crollano cdx, terzo polo e lega, volano Grillo, Di Pietro e Sinistra 
      Articoli Correlati

      laovoro gazzetta del mezzogiorno

      laovoro gazzetta del mezzogiorno
      annuncio di lavoro

      Hot Models