giovedì 31 gennaio 2008

IL punto sulla Crisi di Governo

Finito il giro di consultazioni, il Presidende della repubblica Napolitano ha potuto constatare che la maggioranza dei partiti,seppur con qualche distinguo vorrebbero cambiare la legge elettorale prima del voto, quindi ha conferito un mandato esplorativo al Presidente del Senato Marini.
L'ntento è quello di cambiare la legge o nel peggiori dei casi disputare il referendum prima del voto.
Questo perchè nascerebbe con questa legge e votando subito un Governo instabile formato da 26 partiti se vincesse Berlusconi e che rischia di essere delegittimato in breve tempo se come probabile al referendum nel 2009 dovesse vincere il SI e se il csx,dovesse vincere le Europee o le regionali nel 2010.
Un Governo di vita breve dunque e sarebbe peggio se Berlusconi dopo aver vinto con una maggioranza risicata al Senato facesse una grande coalizione: ciò oltre che non rispettare l'elettorato darebbevita ad un Governo ancora più instabile: se già non c'è intesa polica fra Bossi,Storace;Casini ed un eventuale Mastella figuriamici cosa potrebbe fare una coalizione da Storace a Sinistra Democratica! Nulla.
Allora restano solo tre possibilità per il paese di uscire bene dalla crisi: cambiare legge elettorale, fare il referendum o sperare che vinca il PD correndo da solo. Il quale ottenuto il premio di maggioranza anche se fosse risicata contrebbe su alcuni temi l'appoggio della snistra radicale, e su altri quello di quelche ex dell'unione come Di Pietro,Snistra Democratic e Socialisti.
ANche con il referendum andrebbe bene: esso infatti prefede l'abolizione dei premi per le coalizioni conferendoli al partito più votato anche se coalizzato con altri: verrebbe meno il senso di coalizzarsi e cadrebbe la CdL e FI che ha solo 2 punti di vantaggio sul PD non sarebbe più certa di vincere ( ma anche vincendo non avrebbe la certezza della maggioranza in senato) ed eco perchè FI vuole il voto subito. Discorso dimile per AN e Lega che con il referendum avrebbero quindi meno seggi a parità di voti salvo che non si faccia il partito unico di cdx: cosa impossibile in pochi mesi!
Credo quindi che se Marini riuscisse a formare un Governo ed ottenere la fiducia , il cdx sarebbe costretto a fare la nuava legge per evitare il referendum!

Intanto anche l'Econmist boccia un ritorno del Governo Berlusconi con queste affermazioni, che in certo senso danno ragione alla scelta di Napolitano di non sciogliere le camere.

31/01/2008 19:18
Politica
ECONOMIST: SERVE RITORNO BERLUSCONI?

"L'Italia ha già abbastanza problemi: ha davvero bisogno di un ritorno di Berlusconi?". L'Economist, con un editoriale in edicola domani, torna a bocciare la prospettiva di un governo guidato dal presidente di FI. Il settimanale britannico sottolinea: l'Italia "ha bisogno di un governo stabile e di dolorose riforme economiche. Il problema è come ottenere queste cose". Nel 2001, prosegue l'editoriale, Berlusconi "ha sprecato questa opportunità" usando il capitale politico "per proteggere i suoi interessi".Ha lasciato la "pillola avvelenata" della legge elettorale. Il governo Prodi è "troppo timido".Ma Berlusconi "resta inadatto".


INFO REFERENDUM: www.referendumelettorale.org

lunedì 28 gennaio 2008

Bocciata la legge 40

Dopo i tribunali di Catania e Cagliari, giovedì scorso anche il TAR del lazio boccia la legge 40 nel suo cuore tanto caro ai cattolici.
Secondo il TAR del lazio infatti è illegittimo, perchè contrario al diritto alla salute sansito dalla nostr a Costituzione, vietare l'eugenetica ovvero la diagnosi preimpianto degli embrioni, così come è vietato limitare l'uso dell'inseminazione alle coppie non fertili escludendo quelle a rischio malattie genetiche.
Ora tocca alla Corte Costituzionale la pronuncia definitiva, con la quel potrebbe rendere i9nefficaci 2 delle 4 parti che si intendevano abrogare con il referendum del 2005.
I difensori delle coppie che chiedevano tali cambiamanti si dicono fiduciosi, anzi ottimisti.
E' una grande vittoria laica dele coppie italiane con problemi di infertitlità e malattie genetice e del loro diritto alla salute. Un ennesimo traguardo laici di cui politici e Chiesa non possono non tener conto.
Oggi Ruini ha attaccato nuovamante la 194 ritenendola "intrinsecamante cattiva" : si sbaglia di grosso, è talmente buona che c'è la invidiano in tutto il mondo democratico..

sabato 26 gennaio 2008

Crisi di Governo: come si evoleverà.

La maggior parte dei partiti chiedono di poter almeno cambaire la lege elettorale prima di andare alle elezioni.
E' quindi probabile che il Presidente Napolitano prima di sciogliere il votocostringa o tenti di costringere i partiti a cambaire una legge elettorale che non garantisce stabilità al paese è si è rivelata molto dannosa.
Per altre riforme non vi è ne il tempo ne la legittimità di questo Parlamento visto che il Governo è caduto. Inoltre allo stato delle cose è impossibile legiferare sotto il ricatto di piccoli pariti, vanno prima eliminati.
Si farà quindi un breve Governo per cambiare le regole del voto e laddove non vi si riuscisse si otterrebbe almeno di poter svolgere il referendum che in caso di elezioni subito slitterebba all'anno prossimo.
Dunque esiste una probabilità seppur vaga che si voti con una legge diversa.
Intanto la cris a degli effetti: Berlusconi lancia la campagna elettorale con proposte astruse come il limite alle intercettazioni dei politici.
Cuffaro si dimette per non intralciare il Berlusca nella campgna elettorale, il PD giustamente ufficializza di voler correre da solo alle prossime elezioni e Beppe grilli scende parzialmente in campo.
Grillo infato ufficializza le liste civiche per Comuni e Regioni ma evita il parlamanto e le province ( da abolire), peccato che per cambiare profondamante il paese servano leggi prerogativa del Parlamanto, così come per l'abrogazione delle province, in quento andrebbe cambiato l'articolo 97 della Costituzione.
Ma finche ci sono le province cerchiamo di farle andare meglio caro Grillo! Inoltre sappi che candidarsi a amcchia di leopardo mina la tua credibilità già quotidianamente messa alla prova dai tuoi avversari!


Technorati Profile

mercoledì 23 gennaio 2008

PD vs "CdL": una sfida possibile!

Probabilmente oggi Prodi salirà al Colle a rassegnare le dimissioni e con quasi altrettanta probabilità inizierà la campagna elettorale per il voto anticipato, che però potrebbe tenersi dopo il referendum, come richiesto oggi dai referendari al Presedinte della Repubblica.
Fra le impotesi più accreditate c'è quella del PD e della Snistr Arcobeleno che farebbero corsa solitaria.
Il PD può vincere la sfida contro la CdL per svariati motivi:

Omogeneità e garanzia di Governabilità: correndo da solo e non avendo alleati con cui litigare sarebbe più credibile della CdL eterogenea e con molte contraddizioni. Un alternativa da preferire ad un governo di destra,certament pessimo e con leggi ad personam e pronto ad implodere per lsue contradizioni interne e rimandarci nuovamante alle urne fra 2 anni. Diviso all'opposizione figuriamoci al Governo e con dentro malstelal e Dini! Starebbero continuamante ai ferri corti con la Lega!

Credibilità del leader: Veltroni stando ai sondaggi gode di maggiore credibilità di Berluscono oltre che essere 15 anni più giovane del suo stra-logorato avversario. Inoltre per Veòtroni è la prima candidatura per Berlòusconi la 5a consecutiva e in 2 casi ha già perso. Anche a destra saranno stufi.

Appoggio sindacati e parti sociali: il PD gode di maggior stima presso sindacati, inoltre ha fato accordi con alcune parti sociali che devono essere portati avanti. Dunque costì lo appoggeranno in campagna elettorale.

Frammentazione del voto: l'attuale legge o quella che uscirebbe dal referendum essendo prporzionale porterà ad ua frammentazione del voto che renderà difficle le cose ai grandi partiti, spcie se coalizzati con i piccoli che possono riccattare ed aggirare lo sbarramento del 4% con linte unificate.

42% di indecisi: quasi la metà degli italiani secondo i sonddaggi deve ancora decidere chi votare e 1/3 di loro sono delusi del csx che possono essere riportati alle urne. Il PD inoltre può sottrarre voi ti agli ex alleati. la partita dunque è tutta aperta!

Unica alternativa a Berlusconi o quasi: il PD è l'unica alternativa a Berlusconi o per lo meno è l'unico che può batterlo ora. Quindi chi non vuole silvio non ha scelta!

Voto di protesta: La Snistra Arcobaleno riscuote molte simpatie nella classe operaia, decisamente irritata dei centristi e dalla Chiesa nonchè, e correndo da sola può fare un exploit di voti tra gli indecisi sottraendoli al cav e alla Lega considerato che la classe operaia oltre che essere numerosa è cncentrata la centro-nord.

Multipolarismo e tecniche elettorali: in una situazione con molti partit e coalizioni non si avrà una campagna bipolare nel 2006 e negli anni precedenti, ma un tutti contro tutti, che con il clima attuale si configura come quello che gli americani chmano helter skelter.
In questa situazione la tecnica Berlusconiana non è efficace mentre la sinistra puntando ai contenuti e trae vantaggio proprio da queste situazioni.

Prospettive post voto: il PD, in caso di vittoria oltre che non poter litigare con nesuno godrebbe comunque di un certo appoggio esterno della sx radicale che sarà parte dell'opposizione e rendendo meno pericolosi il cdx.

In conclusione diciamo che al PD basta arrivare la 40% ed oggi è al 30% , per vincere, considerato che per gli stessi motivi sopra elencati anche la sx radicale può fare bene ed arrivare la 15-20%!
E poi diciamolo francamante: Shroedere correndo solo recuperò alle ultime politiche tedesche 18 punti, Berlusconi nel 2006 ne recuperò 10. Perchè non può salire alche il PD?
Ovviamante il leader Veltroni che è anche carismatico non deve perdere tempo o darsi per vinto ma infondere ottmismo fra gli elettori di csx.
Inoltre è necessario scaricare le responsabilità tutte su Mastella e Dini e fare una campgna ad hoc contro la lega al nord, popoloso quindi ampio bacisno di seggi , necessari, con questa legge, soprattutto al Senato.

martedì 22 gennaio 2008

Crisi Governo Prodi...Mastella tocca il fondo!

Penso che si sia toccato il fondo: un ministro che per vendetta controi il Governo reo di non aver tappato bocca e ali ai magistrati che lo indagavano, lo fà cadere.Un cosa è certa dopo questa porcata alle prosssime elezione avremo un partito in meno: l'Udeuro. Chi sara il c......e che lo votera? Mi auguro nessuno.Mastella ora pensa di correre con l'Udc che quasi certamente non correrà con Berlusconi ma prima di chiedere scusa agli italiani.Scusa per essersi rifiutato di applicare il programma, per aver consentito ingerenze del Vaticano nella nostra Politica, per aver trasferito de Magistris invece di dimettersi dopo l'inizio dell'inchiesta Why not, in una sola parola scusa per aver tradito il paese!I
Comunisti e il PD di certo gli daranno addosso, i partiti laici come La Snistra, Radicali, Socialisti, Sinistra Critica e PCL saranno investitii da largo consenso di protesta alle prossime elezioni. I moderati andranno a votare il PD che andando da solo sarà l'unico a garantire Governabilità in quanto a differenza di Berlusconi non avrà alleati con cui litigare.
E Berlusconi? Oggi fà a gare con Fini a chi è più vigliacco: entrmbi dicono di voler correre assieme. Il Primo per sete di potere , il secondo per paura di sentirsi dire: "è colpa tua se abbiamo perso".
La cosa più triste è che colui che potrebbe dare uns svolta, una rivoluzione, stà a guardare: egli è Beppe Grillo!Vorrei che si facesse sentire, che battesse un colpo e con qualche lista civica sconquassasse il mondo politico.
Infine ricordo a tutti che con questa legge elettorale nessuno avrà una maggiornaza solida per Governare (motivo in più per votare PD da solo e non PPL male accompagnato e tornare a nuove elezioni frà 2 anni) quindi và cambiata e rilancio la riforma Bianco.
Faccio un appello a Napolitano: obblighi le camere a fare la nuova legge elettorale come condizione indispensabile per il loro scioglimento e andare alle urne.

domenica 20 gennaio 2008

Letttera Aperta a tutti i Partiti

----- Original Message -----
From: *****
To: presidente@circolodellaliberta.it ; ufficio.stampa@alleanzanazionale.it ; info@udc-italia.it ; angelo.sandri@dconline.info ; pubblicita@lapadania.net ; info@fiammatricolore.net ; lorena.colombo@misconrauti.it ; Storace@la-destra.it ; info@popolariudeur.it ; dini_l@posta.senato.it ; info@ilpatto.it ; agenda@partitodemocratico.it ; info@italiadimezzo.it ; info@italiadeivalori.it ; danilo.giorgi@posta.rifondazione.it ; info@pclavoratori.it ; info@verdi.it ; info@sinistra-democratica.it ; Diliberto_o@camera.it ; info@partitosocialista.it ; clacla42@hotmail.com ; segreteria.roma@radicali.it
Cc: *******
Sent: Sunday, January 20, 2008 7:33 PM
Subject: Petizione legge elettorale Bozza Bianco in atto

Vi scrivo per esprimere tutta la mia disaprrovazione per il vostro comportamanto sulla legge elettorale.
Prima di continuare premetto che è stato difficile avere le mail parchè alcuni siti sono blindati! Non voglio comunicare con il pubblico: è il caso di Lega,FI.AN, Azione Sociale ecc.
Esprimo sdegno per suddetto comportamento.

MI infastidisce che prure essendo tutti d'accordo sul vassalo o bozza bianco che dir si voglia, fate finta di non esserlo per ricattare il governo su altri prvvedimento come la Gentiloni, taglio delle tasse, riforma giustizia,ecc.

A dimostrazione di ciò alcuni fatti:

1. An vuole il maggioritario ma respinge una legge che lo contine

2. Il vassallo da spazio ai piccli partiti con il proporzionale ma i piccoli dicono che li uccude (ovviò che è una falsità)

3. L'Udeurr si lamenta di quanto sopra ma propone uno sbarramanto al 10% (loro che hanno l'1.4%), è ovvio che hanno fatto il 3° polo con AN,UdC,DcA ed altri centristi....

E' arrivato il momento di smetterla con i ricatti e di pensare al bene del paese.
La sinistra faccia il programma che ha sottoscritto e la destra stia al suo posto e faccia il suo dovere senza difendere lobbisty, il papa od altri soggetti lesivi del proletariato.

Propongo quindi di votare la bozza bianco per dare forza a i grandi partit e quindi Governabilità garantendo al contempo la rappresantatività del parlamento.

Propongo alcune modifiche, e vi notifico che stò per aprire una petizione on line sull'argomento.

In sudetta petizione chiederò sostegno al vassallum con le seguenti modificahe/prerogative:

Quota Proporzionale 50% seggi:

1. Sbarramento al 5% su base circoscrizionale


2. Voto di preferenza (ma x 3 preferenze)


3..Collegio unico per i resti da attribuire al partito con più voti nazionali o a chi vince il ballottagio fra i primi 2 più votati

Quota Maggioritaria 50% seggi:

1. Doppio turno alle francese

2. 3 candidati per coalizione/lpartito con elezione del candidato più votato (preferenza unica) più votato della coalizione vincente


3. Divieto di apparentamento dopo il 1° turno per i ballottaggi
Varie

Genariltà:

1. Incandidabilità di ha carichi pendenti o condanne od ha assunto comportamanti indecorosi in aula nella legislatura precedente

2. Vincolo di mandato: chi lascia il partito o ne viene espulso si dimette da parlamentare

3. Dichiarazioni delle alleanze prima del voto e liste identiche sia nel proporzionale che nel maggioritario

Il referendum attuale che pende non è risolutivo in quanto non modifica sostanzialmente la legge. Non elimina i due maggiori problemi rappresensati dal sistema d attribuzione seggi al senato e le liste bloccate.

Questo vostro atteggiamnto è inaccettabile perchè và contro il mandato popolare. Per una volta siate coerenti e sappiate lavorare e poi tutti a casa con nuove elezioni!

Ritengo molto coraggiosa l'iniziativa di Veltroni e del PD di correre da soli. Vediamo chi pensa davvero al paese è avraà il coraggio di fare altrettanto!

Aggiungi la tua firma -sortieni Renato Soru

Questa è la prima di tante petizioni che metterò nel mio blog.
Si tratta di sostenere il presidente dela Sardegna Renato Soru daglia ttacchi sul caso rifiuti. La solidarietà è basilare in politica e nella società. Non facciamo in modo che venga derogata all'egoismo!
Aggiungi la tua firma

mercoledì 16 gennaio 2008

W "La Sapienza"!

W La Sapienza, è il caso di rlo a gran voce, La sapienza intesa sia come sapere che come l'omonima Università romana. La Sapienza ha battuto il Papa e la sua arrognaza e quella del Vaticano!
Onestamante godo al pensiero che dopo tante censure e insulti inflitti dal Vaticano e certi politici nei confronti, esso sia stato censurato a sua volta, ammesso che si possa parlare di censura visto che il Papa invierà comunque il suo discorso e il suo pensiero verrà comunque diffuso.
Ho sentito dire da certi cattolici che così si sarebbe violato il principio di libertà di pensiero e parola sancito dalla nostra Costituzione.
Premesso che non è vero, ma perchè preoccuparsi di ciò quando la cosa interessa il Papa e non difendere tale libertà anche quando riguarda coloro che lo contestano?
In Italia non si è mai potuto dissentire dal papa senza ricevere insulti dagli ex DC, Famiglia Cristiana, l'Osservatore Romano, Radio Vaticana e l'Avvenire.
Basta ricordare il trattamanto riservato a quegli studenti che contestarono Ruini un paio di anni fà durante un suo intervento ad Assisi, era il periodo delle polemiche sul caso Terry Schiavo e dei ragazzi che scandirono qualche slogan ( non ofensivo) contro Ruini furrono additati come eversivi e non fù l'unica volta.
Ma sopratutto ditemi come si fà a non dissentire ed anche con una certa veemenza da un Papa che giustifica l'umiliazione inflita dall Chiesa a Galileo Galilei costretto ad abiurare la dimostrazione della teoria copernicana per non essere condannato a morte. Un pontefice serio si scuserebbe per quella nefandezza!
Comprensibile quindi gli studenti frequentanti corsi di laurea in campo scientifico : il Vaticano negli ultimi hanni ha etichettato gli scenziati che operano nella biologia nel peggiore dei modi. Ha persino etichettato i gay come viziosi ed affermato quelche giorno fà che le coppie di fatto sono un pericolo per la pace del mondo.
Onestamente dubito delle facoltà mentali di Ratzinger.Certi politici prima di preoccuparsi per il rispetto al Papa si dovrebbe preoccuprare del rispetto che questi ha mancato alla società italiana.
E poi diciamolo onestamente se io ( o chiunque altro) volessimo parlare di Darwin in Chiesa sarei criticato brutalente dal prete che è libero di non farmi entrare.
Allo stesso modo gli studenti possono rifiutare l'ingresso della religione nell'Università! E' leggittimo e nel pieno rispetto dell'articolo 21 della Costituzione che studenti e docenti contestino l'invito rivolta la Papa dal rettore, il quele peraltro avrebbe dovuto chiedere prima almeno un parere in merito.
Inoltre non si può invitare un personaggio così contestato dalla comunica scientifica e non dare la possibilità agli studenti ed ai docenti di fare un controdiscorso o meglio un contraddittorio con il Papa.
Perchè il pontefice si ostina continuamnte a sotrarsi dal confronto con la controparte sui temi etico-scientifici? Non è coretto!
E poi come si fà ad invitare il Papa ad una conferenza sull'anno giudiziario, cosa può insegnarci lui che capeggia una Chiesa che ha commesso tante ingiustizie, ne commette ancora oggi difendendo ad esempio i preti-pedofili e non ha mai chesto scusa?
Come può la comunità scientifica di quell'ateneo tollerare cho offende scienziati come Galileo e sfrutta una moratoria sulla pena di morte per ataccare la legge 194 sull'aborto? Non può tollerarlo.

lunedì 14 gennaio 2008

E' arrivato il 3° polo

Leggetevi quest'articolo-inervista di diacoblog.com a Mastella sulla riforma elettorale, sommatelo alla proposta dell'Udeur di uno sbarramanto al 10% e ditemi se non ho ragione di pensare che, come prevedevo quaòlche tempo fà, stà nascendo un nuovo polo di centro-destra che sommi AN-UdC ed altri partiti centristi dell'Unione.
Un'alternativa al centro-destra di Berlusconi oltre che al Partito democratico e non poteva essere diversamante sopo la nascita di PD,PPl, Sinistra-Arcobaleno e Costituente Socialista e non ultimo la scesa in politica di Beppe Grillo.
I centrisiti senza aggregazione fra loro rischiano in ogni caso, sia con il referendum che con una nuova legge di andare a casa, e lo stesso dicasi per Fini che vedrebbe sfumare i suoi sogni Viminaleschi ad appannaggio dell'altrettanto ormai appannato Berlusconi.
Anche se il sui partit è primo Berlusconi nella classifica delle fiducie personali e solo 5° dietro a, nel'ordine: Veltroni,Fini,Casini e Grillo con il rischio di essere superato anche dal eventuale candidato di Sinistra Arcobaleno se decide di corre da solo, e dal leader del neonato PCL Ferrando.
A febbraio dunque, subito dopo l'approvazione della nuova legge elettotale apsettiamoci 5 poli e l'anuncio della costituzione di Alleanza per l'Italia o almeno questo dovrebe essere il nome della cosidetta cosa bianca.

domenica 13 gennaio 2008

Sondaggi elettorali

Di recente con la nascita del PD e del PPL nonchè con la crisi di consenso del centro sinistra dovuta ai problemi di coesione del Governo Prodi o meglio della sua maggioranza, ci è sbizzarriti con i sondaggi elettorlai nell previsione di elezioni anticipate.
Bene io ritengo che tali sondaggi siano tutti sbagliati perchè contengono un grosso errore di fondo: agli intervistandi non viene presentata la siatuazione reale che troverebbero alle urne ed in particolare nei sondaggi non viene menzionato Beppe Grillo ( e quindi non si misura il suo consenso), non si fà notare la spaccatura del cdx. A volte si presenta l'Udc come alleato di Berluscni e molti partit del centro-destra non vengono menzioni ed il caso de La Destra di Storace e di altri piccoli partiti di cdx quali Azione Sociale, Fiamma Tricollore, NoEuro, DcA, PLI ;PRI, ecc. che vengono accumunati nella dicitura altri di cdx.
Ho notato infatti che se compare la La Destra FI o PPL che dir si voglia perde 3-4 punti cosi come AN. L'Udc passa dal 3% al 7% a seconda che venga presentato come alleato e meno de Fi (da solo prende di più.
Anche a sinistra si fà danno. Nonostante la neonata colaizione de LA Sinistra Arcobaleno i suoi componenti ovvero PdCI,PrC,SD e Verdi vengono ptresntati disaccorpati con grave nocumento per loro nel sondaggio stesso.
O quindi deciso che presto farò un sondaggio io nel mio blog per fotografare la vera situazione.

Nasce il PCL : Partito Comunista dei Lavoratori

Nasce il PCL : Partito Comunista dei Lavoratori, un partito di cui non avevamo assolutamante bisogno.
Tale partito è stato fondato dal'ex membro di Rifondazione Ferrando, il deputato espulso dal Prc per alcune frasi dette sul'Iraq che scatenarono moltepolemiche.
Vi partecipano tutti i dissdenti comunisti da La Sinistra Arcobaleno i quali a detta di ferrando ritengono che i Comunisti non debbano Governare ma stare all'opposizione e fare lotta come ai vecchi tempi.
Essi si pongono come obbiettivo quello di essere un'aternativa di vera sinistra al PD e La Sinistra contro Berlusconi.
Secondo loro il proletariato và rimesso al centro della politica e difeso con politiche sociali nello stile Marxista.
Marxismo a parte trovo il resto che siano delle idee anche accettabili ma non ha senso fare un nuovo partito che rischia di sottrarre consenso al csx pur senza danneggiarlo.
Perchè se è vero che può attirare voti di protesta e riportare alle urne i delusi elettori di Prodi è altrettanto vero prorio per quanto appena afferato che può far scendere lapercentuale di consenso dei partiti di destra ed in particolare del PPL.
Con un sistema elettorale sul modello della Bozza Bianco, esso diverrebbe un indubbio aiuto involontario al PD che invece esso vorrebb3e contrastare.

martedì 8 gennaio 2008

Immondizia campana, ecco i responsabili.

Premesso che non voglio difendere il csx, per onestà bisogna ammettre che le resposnabilità in questo affare sono di tutti.
Sono del precedenti governi e giunte varie che non hanno dotato la Camapania di un sistema efficiente di raccolta rifiuti e chidendo discariche come quelle di Pianura hannno dismesso il vecchio sistema prima ancora di soppiantarlo con uno nuovo come ad esempio la raccolta differenziata.
Sono dell'attuale Governo e Regione che non è stato capace di risolvere la situazione in un tempo adeguato e non ha scaricato per tempo l'Ipregilio.
Sono dei politici concussi con la Camorra che hanno bloccato i lavori del Governo e delle giunte regionali e comunanli.
Sono della popolazione campana che con continue proteste e blocchi stradali hanno contribuito loro malgrado a fare il gioco della Camorra.
Sono della camorra che vuole mantenere questa situazione per avere un mercato di smaltimento rifiuti nel quale operare senza regole, in semi-clandestinità, guadagnando a scapito della salute dei cittadini.
Sono dell'opposizione che strumentalizza il tutto per dare spallate e Bassolino, Prodi e Jervolino senza però offrire proposte serie ed alternative valide.
Sono dei media che informano poco e male sulla situazione, stigmantizzando certi aspetti ( responsabilita del csx e reazione della popolazione locale) e affumica altri aspetti (il ruolo della camorra,dei concussi, e dell'Impregilo nonchè la passiva propositività dell'opposizione) fomentanto così rivolte popolari finalizzando il tutto agli scopi dell'opposizione e giovando la Camorra.
Sono dell'Impregilo (gestore dello smaltimento dei rifiuti campani e azienda che avrebbe dovuto fare anche il Ponte sullo Stretto di Messina*) concussa con la Camorra che smaltisce poco e male i rifuti e dei suoi soci, imprenditori del Nord che forse fanno il gioc di Lega ed ex CdL oltre che della stessa Camorra.
Sono infine dei dipendenti di Impregilo e di altre aziende di smaltimento che dannegiano i mezzi per non uscire a fare la raccolta e dedicare così il loro tempo a fare un secondo lavoro rubando lo stipendio!

*Ringraziamo la sx radiclale se non regaleremo 4 miliardi di Euro alla mafia per un ponte che poi magari crollava perchè fatto con materiale scadente, come spesso capita con le oper made in Cosa Nostra e Co.

lunedì 7 gennaio 2008

La mia ricetta contro il caro-carburanti

Da alcuni anni il prezzo del petrolio è schizzato alle stella passando da 18 a 100 dollari al barile. Nonstante l'euro forte salito nello stesso periodo da 0.86 a quasi 1.50 dollari che ha limitato gli effetti del caro-greggio nell'area Euro, tali efffetti cominciano a diventare pensanti pure noi.Oggi in italia oltre a delle alte accise sui carburanti abbiamo una serie di una-tantum create per far fronte a tragedie come il Vajont o il belice che non hanno senso di esitere.Tale tassazione vele per il 60% del prezzo dei carburanti e non possono essere rimosssi dalla sera alla mattina perchè rappresentano una bella fetta di gettito fiscale.Proporrei di passare ad un regime di tassazione forfettario (accise più una-tantum) al 50% del prezzo dei carburanti.Inotre per sottrarre i benzinai dal ricatto delle sette sorella propongo sgravi fiscali a coloro che praticano prezzi alla ppoma di almeno 5 centesimi inferiore a quello consigliato dai petrolieri.Sgravi alle compagnie petrolifere che stanno al di sotto di certo rapporto fra prezzo carburante alla pompa e petrolio...dicaimo 2 a 1 per la benzina 1.9 a 1 per il gasolo e 1.4 a 1 per il GPL, ecc. In questo modo le case sarebbero costretta ad abbassare il prezzo alla pompa se il petrolio cala, cosa che ora non fanno.

sabato 5 gennaio 2008

La legge elettorale facciamola così e diamoci un taglio.

La proposta di Frencheschini,numero 2 del PD, di avere un presidenzialismo alla francese ha riaperto il dibattito sulla legge elettorale.
Vorrei far notare che alcuni anno chiesto il sitema tedesco, il PD è per il misto tedesco-spagnolo ma altri chiedono il doppio turno alla francese.Io coniugherei letre cose così: partire dalla famosa proposta vassallum di eleggere il 50% dei parlmantari con il maggioritario e il 50% con il proporzionale.
Per quanto riguarda la parte maggioritaria userei il doppio turno alla francese con divieto di apparentamento fra 1° e 2° turno.Per la parte proporzionale fare colegi da 15 deputati e 8 senatori con sbarramanto al 5%.
Le coalizioni devono essere identiche sia nel proporzionale che nel maggioritario, nel sebso che ad esempio sel il PD và da solo nel proporzionale, lo stesso deve fare nel maggioritario.
In questo modo i due grandi partiti PD e PDL si svincolerebbero dagli alleati e potrebbero governare (chi vince) con ampia maggiornaza approvata dalla maggiornanza assoluta degli Italiani. Gli ex alleati inclusi i piccoli avrebbero ampie possibilità di antrare in parlamanto con cospique flotte di parlamentari, specialmente se si coalizzano fra loro, e senza poter ricattare l'eventuale Governo!
Quanto alla proposta di Francheschi la ritengo dannosa per la maggioranza ma anche per l'Italia: i nostri politici non sono pronti per un sistema con troppo potere nelle mani di un singolo. Prima si abbatta il livello di corruzione fra loro. Il presidenzialismo alla francese non è diverso da premierato alla Berlusconi (quello dittatoriale bocciato al referendum del 25 giugno 2006), quindi troppo pericoloso.
Più praticabile a odierna proposta di Veltroni dell'elezione diretta de premier da attualre in tempi più maturi ovvero fra qualche legislatura.

giovedì 3 gennaio 2008

Giù le manì dalla 194! Mozione aberrante!

Un'abberrante mozione sull'aplicazione della legge 194 (aborto) è stata presenta dal deputato di FI Sandro Bondi e cosa più grave ha trovato sostegno oltre che in alcune frange del centro-destra anche in parti del PD e nei centristi dell'UNione.
Ciò è gravissimo perchè tale mozione punta a cambiare la legge rendendola più restrittiva. Ingiurioso che certi fondamentalisti cattolici dopo ever ucciso i diritti delle donne ( e anche di alcuni uomini) con la legge 40 ci provino anche con la 194.
Dobbiamo fermare questa ondata di bigottismo eclesiale che tra l'altro veien strumentalizzato per dare una spallata al Governo che si sà sui temietici è diviso. Ancora più aberrante e disgustoso se si pensa di far leva sull'appena approvata Moxione Internazione sulla Pena di Morte. Aborto e Pena capitale non hanno nulla a che vedere l'una con l'altra!
Gente come la Binetti andrebbe cacciata dal PD, è traditrice del mandato popolare con il quale siede in Parlamento!
Se proprio la si deve rendere meglio applicabile questa legge, basta un provvedimenti che obblighi i medice obiettori di coscienza a farsi da parte o meglio in ogni turno al pronto soccorso e nei reparti di ginecologia ed ostetricia devono esserci un minimo di medici laici non obiettori.
Bisogna facilitare la prescrizione della pillola del giorno dopo e di quella abortiva e si deve fare più campagna per l'uso dei contraccettivi.*
Non facciamo finta di aver già dimenticato i servizi di Report,Stricia ecc. sulle difficolta che incontra le donne e le coppie che si recano in ospedale o in un consultorio per ottenre la prescrizione della pillola del girono dopo, l'ivg o l'inseminazione artificiale dovuta a infertilità.
Oggi negli ospedali e nei consultori esite una flotta di fondamelisti cattoli che disapplica la legge 194 la qual tra l'altro ha eliminato una piaga sociale come quella degli aborti clandestini che hanno decimato il popolo femminile fino al 1982!
Evitiamo di ripristinare questa vergognosa piaga in nome della cattolica sacralità della vita! Se veramante la Chiesa considerasse sacra la vita eviterebbe di uccudere della donne o di metterne a rempentalgi l'incolumità come fà con l'attuale legge 40!


*Quanto predetto fà parte del mio programme elettorale! Così come lo è la riforma della legge 40 nel senso voluto dal popolo che ha votato si al referendum del 2005!

martedì 1 gennaio 2008

Mediaset boicotta Napolitano

Ieri intorno alle 20 come sempre accade l'ultimo dell'anno, il Presidente della republica ha tenuto il discorso di auguri per il nuovo anno alla popolazione.
La Rai ha trasmesso il discorso a reti unificate,RaiTre ha persino aggiunto l'interprete per i sordomuti, anche La 7 sebbene con qualche secondo di differita lo ha trasmesso.
Su Mediaset solo Canale5 ha trasmesso l'evento, mentre Rete4 e Italia1, le più berlusconiane delle reti Mediaset, lo hanno boicottato. la cosa si commenta da sè.
Fino all'anno scorso anche Mediaset inviava il messaggio del presidente a reti unifica, quest'anno essondo un pò contro Napolitano lo hanno boicottato.
Probabilmente ciò è dovuto al fatto che sapevano che il Presidente sarebbe stato distensivo ed avrebbe smontato la tesi propagandistica della CdL, di un Italia in crisi come è effettivamente successo.
Un ennesima prova di come la polita e Berlsuconi controllano l'informazione e la usano in modo elettoralistico deformando la realtà.
Lode a Napolitano ed alla rai che non si è fata trascinere in questo gioco così perverso ed irriguardoso sia verso il Popolo che verso le Istituzioni.
Buono il discorso del Presidente che condivido in pieno, molto realistico, austero e distensivo per il paese: ciò che serviva.

laovoro gazzetta del mezzogiorno

laovoro gazzetta del mezzogiorno
annuncio di lavoro

Hot Models