Promuovi il tuo sito

Libri Verità: quello che i media non vi hanno mai detto e mai vi diranno!
 https://play.google.com/store/books/details?id=MCpADwAAQBAJ 

https://play.google.com/store/books/details?id=xvJUDwAAQBAJ Solo su Google Libri e Google Play a €3,90 Clicca la foto per acquistare

Chi votareai il 4 marzo 2018?

sabato 17 novembre 2018

Eccesso di libertà di stampa. Nasce il consulente mediatico giuridico.


In questi giorni i sindacati dei giornalisti si strappano le vesti in nome della libertà di stampa dopo le polemiche del Movimento 5 Stelle a seguito dell' assoluzione della sndaca romana Virginia Ragi. ANche il Presidente Mattarella ha richiamato più volte alla difesa della libertà di espressione. Ma i fatti ci dicono che vi è un eccesso di libertà e che andrebbe ridimensionata:
Il problema è che i giornalisti spesso vanno oltre la cronaca e in questo caso dimenticano che l' art. 21 della Costituzione riguarda tutti i cittadinin e non è una oro prorietà Già perchè mentre loro rivendicano libertà censurano chi li critica e non la pensa come loro. Non risparmiano nemmeno Saviano reao per loro di aver riabilitato un mafioso! Spessp pilotano l' opinione pubblica e con essi i processi. Non stupiamici se nasce il consulente mediatico giudiziario per aiutare chi non ha molti mezzi a reagire ai soprusi della mala infomazione
Invito tutti a boicottare i gironalisi e a non sostenerli. ' ora di ridimensionalre il loro eccessivo potere. Affermano che decidonon lora cosa scrive. Vero ma una volta svelto un argomento lo si affronta in modo completo e non parziale e fazioso per delegitimare qualcuno a favore di altri, Oggi l' informazione è piefata all' audience ed alle vendite. Troppo piegata e troppo populista. A volte razzsita e xenofoba. Speriamo che cambi.




Articoli Correlati

domenica 7 ottobre 2018

Lege stabilità 2019: veri rischi e quelli fasulli di UE ed opposizione

IN questi giorni si parla molto della Legge di Stabilità per il 2018, in quanto entro il 15 ottobre dovrà essere comunicata all' Unione Europea ed entro il 20 si dovrò varare il testo definitivo che andrà approvato dalle camere entro il 31 dicembre. Date inderogabili. Essa prevede un defit al 2,4% del pil nel 2019, poi 2,1 nle 2020 e 1,8 nel 2021. Una manovra da 40 miliardi di cui 20 per la crescita: 10 per il reddito di cittadinanza e 10 per supramento Fornero, pace fiscale detta anche rottamazione ter e flat taz. Essa infine preved una crescita media del Pil nel triennio 2019-21 intorno al 1,7% ed è su quest' ultimo dato che vi è preoccupazine. I rischi ci sono ma solo per una crescita più contratta e non per il deficit che si allontana dal pareggio di bilancio. LO scoramanto è accettabile ma solo se si realizza la crescita prospettata. Ecco i rischi ne dettaglio voce per voce:
Reddito di cittadinanza: non verrà dato direttamante ma attraverso una crrta che vieterà alcune spese definite immorali (avrebbe anche senso se non fosse troppo restrittiva) ma sopratutto viene ritirato ciò che acanza e questo comporterebbe consumi minori del prosepattato e minore crescita. Vi è poi la discrimante della prima casa: se sei prorietario invece di 780 euro te ne danno 400 e potresti non averlo se l' Isee familiare e più alto di una determinata soglia. Se fosse troppo bassa molti aventi diritto non sarebbero più tali.
Pace fiscale: la rottamazione è il copia-incolla di quelle precedenti e come loro non tinee conto della morosità incolpevoli. Si realizza per utti ad eccezione delle cartele oltre i 500-mila o un milione. Quindi un aiuto agli avasori ma sopratutto non sblocca risorse private da investire. Chi non può pagare perchè non ce la fà dovrà farlo comunque in rate sempstrali per 5 anni. Le Pmi e le famiglie quindi restano a rischio.
Quota 100 per le pensioni: Il numero dei pensionandi sarà quello prospettato ma sicuramante non avremo un numero di giovani assunti pari o superiore a ad essi ma sarà inferiore e non vi saranno assunzioni se prima non veranno stabilizzati i dipendenti a tempo determinato. IL rapporto stimabile di un neo assunto ogni 2-3 pensionandi sopratutto nelle grandi aziende.
Flat tax: oltre ad essere uno sconto fiscale per i redditi oltre i 28000€ ed in particolare per over 75000 non comprende la famosa promessa no tax area a 12000€ e ciò avrà come effettto un accumulo di danaro sui conti correnti dei benestanti
Nuova Ires: anche questa come la flat tax rischia di essere un flop. Benchè sia meritocratica e moralmente giusta i suoi affetti sonon collegati al reddito di cittadinanza: non vi saranno investimenti se sale la domanda interna, inoltre le grandi mprese probabilmente non solo non investirano ma dirotteranno all' estero i maggiori utili come sempre accaduto.
Il rischio più grande di tutti però è rappresentato dal terrorismo econmico di Moscovici, Dombrovskis, Renzi, Berlusconi e Junker nonchè dall agenzie di rating che danneggerebbero l' Italia a favore degli speculatori che le pagano. Sono infatti aziende private. I soggetti di cui sopra fanno apparire la questione di cui sopra molto peggio e inducono i mercati alla fibrillazione per imporre al Governo di eliminare il reddito di cittadinanza che avrebbe come effetto la riduzione della precarietà cosa non gradita ale multinazionali che da sepmpre pilotano la politica in Ue come in Italia e negli altri paesi ricchi come Usa, ecc. Ciò spiega la perdita delle borse e la risalita del spread! Gli investitori snon terrorizzati da questi signori e non dalla nostr apolitica economica.
Nota finale, da uomom di sinistra mi fà scifo la posione di Liberi e Uguali che si unisce alla cassander allarmistiche di Ue e opposizione italiana. Criticare si ma con distinguoprecisi dal resto dell' opposizione.


Articoli Correlati

domenica 9 settembre 2018

Salvini e le sue false promesse su Prima gli Italiani.

Salvini pensa prima aiigranti suo chido fisso. Non parla del reddito di cittadinaza e della Fronero (suo cavallo di battaglie) ne della flat tax copndoirdata con il Cav. Dovrebbe restituire i soldi rubati da Bossi e figli invece attacca i magistrati come faceva il dicetto di Arcore e che lo appoggia in siema alla sua banda in questa delegittamazione.





Articoli Correlati

domenica 3 giugno 2018

Spread. Cos'è, come funziona e perchè è cresciuto in questi giorni.

Lo spread ai tempi del cambio Berlusconi Monti nel 2011

In questi giorni si è parlato molto di spread in crescita. Ma cosa è? Come funziona? E chi lo determona? Come promesso ve lo spiegherò in questo post ad hoc. Innanzitutto bisogna parlare di debito pubblico. Ogno stato, Italia compresa, quando il gettito fiscale ovvero le tasse non basta a coprire le spese, si fà prestare i soldi dalle banche centrali come Bankitalia che non li dà direttamante ma li acquisce da privati ovvero altri stati  e banche che a loro volta agiscono su mandato di investitori privati. Per acquisire il danaro emettere dei titoli di stato. Chi li acquista dopo una certa scadenza riceve il capitale prestato più un interesse che nel caso specifico viene stabilito dalle contrattazioni in bosrsa ovvero dal rapporto domanda e offerta. Se la domanda supera l' offerta il tasso scende viceversa sale. Ovvimante nel secondo caso salgono gli interessi sul debito pubblico che potrebbe avere ripercussioni negative.sull' economia nazionale.  TeBot ndenzialmente si confronta il tasso dei Bot italiani decennali con i Bund tedeschi decennali. La differenza tra i tassi di interesse dei due titoli è lo spread che in inglese significa appunto differenza. In particolare ogni centesimo di percentuale di differenza vale un punto di spread. Es: Bot 3,3% e Bund 0,30% ovvero 3% di differenza quindi 300 punti. Da quì potete intuire che lo spread sale se salgonon i tassi italiani ma anche scendono quelli tedeschi od entrambe le cose. Recentemente però come nel 2011 questo indicatore e i tassi sono stati alterati da alcuni operatori di mercato come la Bundesbamk che ne detenevano in grande quantità in modo da condizionare la politica italia. Nell 2011 la cosa fù più lamapante perchè i Bund tedeschi venivano acquistato al tasso negativo di 0,50% ovvero investendo 1000€ dopo dieci anni se ne avavano 950€ che con l' inflazione valevano ancora meno. Oggi in ogni caso converrebbe acquistare più titoli italiani che tedeschi visto che in questo modo dopo 10 anni si hanno 1330€ invece 1030€. Non è vero che lo spread alto fà salire i tassi di interesse sui prestiti che le banche fanno a famiglie e imprese. Questi soldi le banche se li fanno prestare dalle banche centrali al tasso ufficale e da altre banche  al tasso di scambio medio interbancario detto Euribor. A loro volta li prestano alle famiglie al tasso Euribor maggioratto attualmente di 1,5 punti che rappresenta il guadagno delle banche. Solo se le banche centrali aumentano i tassi a loro discrezione aumenteranno quelli dei mutui e dei finanzimanti e sempre che non si sia scelto il tasso fisso. In definitiva uno Spread altro non è necessariamente un dato negativo e non ha effetti nel breve termine. La prossima volta quindi niente panico.

Articoli Correlati

laovoro gazzetta del mezzogiorno

laovoro gazzetta del mezzogiorno
annuncio di lavoro