lunedì 25 ottobre 2010

Caso Scazzi: Sabrina Misseri innocente.

Sabrina Misseri la cugina di Sarah Scazzi accusata di averla uccisa in correità con il padre potrebbe essere in realtà innocente.
Molte cose non tornano nelle versione dell' accusa e molte sono le incongruenze di tale tesi e gli avvocati di Sabrina se ne sono già accorti, tanto che hanno chiesto un confronto fra lei e suo padre e non si può escludere che se le cose vadano per il verso giusto ne chiedano anche uno con l' ormai ex amica Mariangela Spagnoletti, la cosidetta superteste dell' accusa.
Le contraddizioni sono tutte nell' ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal Gip: in primis già nelle motivazioni non si fà menzione del pericolo di reiterazione del reato: si accusa Sabrina di aver ucciso la cugina premeditatamente per gelosia e per occultare le presunte molestie del padre ma allora perchè non si teme che uccida Mariangela per eliminare un testimone scomodo ma ci si limita alla pericolo di fuga (ma dove andrebbe una così famosa?) e inquinamento delle prove: quali? Le evidenze scientifiche già in mano ai Carabinieri e come farebbe?
Come vedete non sono ancora entrato nel merito della questione che già gli interrogativi non si contano più e gli ho smontato i punti principali della custodia in carcere.
Andiamo avanti, parlavamo di una superteste che secondo gli inquirenti sarebbe attendibile come lo sarebbe Michele Misseri reo confesso, peccato che loro versioni si scontrano in un paio di punti. Misseri sostiene di essere entrato nel garage con la sua Seat Marbella in retromarcia ma la Spagnoletti asserisce che la vettura è sempre stata sulla strada prima in una posizione poi spostata, inoltre considerato l' orario di arrivo della teste a casa Misseri stupisce che non l' abbia colti in flagranza di reato.
Ma quì la testimonianza di Mariangela si scontra anche l' opinione che gli inquirenti si son fatti di Sabrina: "una ragazza arguta e risoluta". Opinione che condivido ma poi mi chiedo: perchè una così sarebbe stata così pirla da compiere il delitto mentre era imminente l'arrivo della sua amica Mariangela che avrebbe potuto coglierla in flagranza di reato? Perchè avrebbe addirittura osato concedere al padre (che secondo gli inquirenti comandava a bacchetta) di portare via il copro proprio nei momenti in cui Mariangela capitava per ben due volte a casa Misseri? E che bisogno c'era di invitarla a casa sua se la scusa di andare al mare era solo una trappola per Sarah e soprattutto: perchè Sabrina così intima con Sarah avrebbe avuto bisogno di una scusa?
Ma non è tutto, anche il movente è poco chiaro: inizialmente sembrava fosse stata uccisa per occultare le molestie di Michele Misseri poi per la gelosia del presunto rapporto tra Sarah e Ivano (lui smentisce) alla fine entrambe le cose anche perchè la seconda versione escluderebbe il reo confesso Michele. Comunque vada perchè un padre dovrebbe lasciarsi convincere dalla figlia minore a commettere un simile reato per un movente che non è nemmeno suo?
Anche le altre prove fanno acqua come gli sms e le impronte sul cellulare di Sarah: logico che ci siano se è vero che Misseri lo ha portato prima a casa e poi solo successivamente consegnato ai Carabinieri, assurdo invece che sabrina se fosse colpevole, da ragazza arguta e risoluta abbia fatto compiere al padre un così banale quanto tragico e fatale errore! Altrettanto ovvio che Sabrina fosse preoccupata di eventuali accuse a suo carico visto che la volontà degli inquirenti di accusarla insieme al resto della famiglia era lapalissianamente nell'aria fin dal giorno della confessione del padre.
Altra idiozia giornalistica ma presa in considerazione dai magistrati il fatto che Sabrina abbia indicato agli amici la sera del ritrovamento del cadavere, il pozzo del rinvenimento: tutti si chiedo come faceva sua madre Cosima a saperlo e a dirlo Sabrina: semplice: tutti dimenticano improvvisamente che Cosima era presente con l'altra figlia Valentina, all' interrogatorio di Michele Misseri quella sera al Comando Provinciale dei Carabineiri di Taranto. Ovvio quindi che sapesse.
E infine quell' interrogatori più volte ricostruito in TV: tutte le tesi accusatorie già contenute nelle domande alle quali Michele Misseri risponde sempre si: ma non sarà che carabinieri, Gip e PM hanno approfittato loro della fragilità dell' imputato per fargli dire ciò che gli occorreva per incastrare moglie e figlie? Non sarà che suddetti personaggi stiano usando a scopo pubblicitario il caso e tentano far salire il più possibile l' indignazione popolare coinvolgendo tutta la famiglia Misseri e pure altri parenti?
Una cosa però è certa: il caso è gestivo malissimo dalla Procura, senza riserbo e con troppe fughe di notizie ma sopratutto con una tesi che appare precostituita e che cambia ogni 5 minuti: non sono professionisti credibili e cosa peggiore pagati con soldi pubblici.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

già il fatto che non ci sono commenti è palese che qst'articolo dice un mare di fesserie, vergognatevi di difendere degli assassini spero che li incastrino per bene, altro che gli inquirenti non fanno bene il loro lavoro, e an che pagati con soldi pubblici pensate alla piccola Sara e se non sono stati loro chi mai ha potuto?
E poi Sabrina Misseri e la sorella Valentina sono delle arroganti false non dimentichiamo le varie piste suggerite proprio da loro, quando sapevano che Sara marciva nel pozzo.
Non ho parole altre, se non che la giustizia divina faccia qualcosa perchè quella degli uomini è molto di parte..
r.i.p. piccola Sarah

Anonimo ha detto...

E' stato Michele Misseri da solo. Non giudicare la gente sulle base delle idiozie sparate dai giornalisti!

stefano ha detto...

SABRINA MISSERI E' INNOCENTE:
c'è una testimonianza (http://www.youtube.com/watch?v=y9NU27gU7_4) di 2 fidanzati (Chi l'ha visto 22/9/10) che hanno visto e riconosciuto Sarah tra le 14.30 e le 14.35. Questo avvalora il fatto che lo squillo di Sarah alle 14.28 fosse stato fatto come di abitudine quando stava uscendo di casa e non quando è arrivata e rafforza la posizione di Sabrina che alle 14.35 ha risposto con sms alla sua amica Angela Cimino. E comunque è assurdo pensare che Sabrina abbia organizzato tutto con Mariangela che incombeva.
Questa testimonianza va a coprire proprio quel buco che nell'ordinanza del G.i.p di convalida del fermo per Sabrina Misseri (pagina 13, paragrafo 8, ultimo capoverso) costituirebbe l'esatto periodo temporale nel quale ella avrebbe partecipato al delitto. Inoltre:
14.23 sms di Mariangela: Il tempo di mettere il costume e vengo (distanza 3 minuti)
14.28 squillo di Sarah
Alle 14.27 Sabrina non poteva sapere se sarebbe arrivata prima sarah o Mariangela o tutte e 2 insieme visto che la strada è la stessa per non parlare del fatto che Mariangela avrebbe potuto sopraggiungere con loro nel garage.

Anonimo ha detto...

Bravo finalmente uno che ragione. Inoltre perchèSabrina avrebbe dovuto chiamare Angela se doveva commmettere un delitto?

Massimo Di Natale ha detto...

Ho segnalato questa spazzatura alla polizia postale. Saluti

Anonimo ha detto...

Maledetta infame, altro che innocente, ha fatto tutto da sola per invidia e gelosia. Non poteva più sopportare la povera Sarah.
Deve marcire in galera,maledetta infame!!!

Michele M. ha detto...

Per Massimo di Natale: tanto la PSP se sbatte i c... lo sò per esperienza e se anche si interessasse non vi è alcun reato.

laovoro gazzetta del mezzogiorno

laovoro gazzetta del mezzogiorno
annuncio di lavoro

Hot Models