lunedì 18 ottobre 2010

Casi Scazzi e Claps: quando giornalisti, magistrati e forze dell' ordine diventano immondizia indifferenziata

Da molti giorni in TV non si parla che dell' omicidio della 15enne di Avetrana Sarah Scazzi: uno stillicidio di porcate mediatiche che si posa su uno stillicidio di porcate giuridiche.
Si comincia con la famosa puntata di Chi l' ha Visto in cui la Sciarelli dà in diretta la notizia della confessione di Michele Misseri (zio della ragazza e padre di Sabrina) e del ritrovamanto del cadavere. Il tutto mentre si è collegati in diretta con la casa di Misseri dovè c'è Sabrina con alcuni amici, la mamma di Sarh e il suo avvocato tutti ignari di quanto stia accadendo al Comando Provinciale dei Carabinieri di Taranto (perchè non venga interrogato in procura poi non si è capito). In pratica è la TV a dire ad una madre che le hanno ucciso una figlia e ad una ragazza che il padre è un assassino.
Ora c'è in carcere anche sabrina accusa di concorso in omicidio in modo assurdo: i magistrati e i Carabinieri credono a Misseri: un omicida reo confesso che come spesso accade in queste situazioni tenta di alleggerire la propria posizione. Gli credono senza che le indagini abbiano confermato la sua versione dei fatti: indagini che non confermano lo stupro e stimatizzano i dubbio che ad uccidere possa essere stata una donne non gracile. Affermazione questa che i giornalisti obrobriamente spacciano per una donna necessariamente robusta alludendo Sabrina Misseri dimenticando che anche la sorella Velentina e sua madre Cosima lo sono (anche più di lei) e l' Amica Mariangela non è certo miss magrezza e dimenticando che proprio quest' ultima, stando a ciò che gli stessi giornalisti scrivevano giorni fà, avrebbe avuto contrasti con Sarah per un ragazzo.
Ci si stupisce Sabrina abbia un avvocato dimenticando che da quando è stato trovato il cellulare che si annusa nell' aria un sospetto da parte di procura a e CC sul coinvolgimento di tutta la famiglia.
Si rimane a far le cozze davanti a casa Misseri e intanto si pubblicano gli sms di Sabrina con Mariangela e poi ci stupisce che la sorella Valentina si incazzi con giornalisti: ma stì giornalisti dove cazzo vivono?
Certo che Valentina si incazza: si stupiscono che sabrina chieda all' amica di dire la verità e correggere la sua versione dei fatti: su che base giornalisti e Carabinieri stabiliscano che sia Sabrina e sono Mariangela a Mentire: non è dato saperlo.
Uno obrobrio è anche il recente sviluppo del caso di Elisa Claps, la la ragazza potentina uccisa il 12 settembre del 1993 nella Chiesa della SS. Trnità di Potenza.
Da una parte si dà corda ad una personaggio dubbio come l' avvocato Jonny Di Stefano che accusa Restivo oltre che dell' omicidio della coreana Jong-on Shin, per il quale è stato dato l' ergasotolo al suo assistito Omar Benguit, anche di quello Yvonne o' Brien uccisa in Spagna nel 1999 e di altre tre donne assassinate a Perpigan in Francia fra il 1995 ed il 2000, periodo in cui Restivo scontava prima la sua condanna e poi veniva affidato ai servizi sociali e secondo i giornalsti sarebbe stato a Rimini, Torino; Potenza e Bounrnemount (UK).
Ora dimenticando tutto questo i giornalisti lo accusano anche loro di quegli omicidi.
Ma non finisce quì, da una parte dicevo, quanto sopra, dall' altra il perito medico legale del PM di Salerno titolare delle indagini sul caso Claps, che prima sconfessa il dott. Pascali consulente del Gip e poi ammette che molti reperti sono in effetti non utilizzabili: nel mezzo la solita Sicarelli risalta così tanto la notizia da rasentare la diffazione del dott. Pascali c(accusandolo di voler depistare le indagini e coprire Restivo) ha giustamente la querela e non mi sorprende: la Sciarelli non è nuova a certi comprtamanti: il 29 marzo scorso parlando sempre del caso Clpas manda in onda un servizio dove vengono letti alcuni messaggi presi da un forum e affiabbiandone la paternità a Restivo quando in realtà sà benissimo che non sono suoi (e finisce col diffamare i reali autori) e sà benissimo che in quel forum scrivono anche i suoi collaboratori nonchè altri due giornalisti (che spesso insultano chi non la pensa come loro) come Fabio Amendolara della Gazzetta del Mezzogiorno (lo stesso che pubblica gli sms di Sabrina Misseri) con il nick Erice e Andrea di Consoli del quotidiano della Basilicata ma forse anche lo stesso Gildo Claps con il nick Cigale_Magique.
Di questo obrobrio ne ho piene le scatole,non bastava la cronaca trash ma ci voleva anche la giustizia trash. La cronaca fattà così e i PM e le forze dell' ordine che a volte preferiscono compiacere giornalisti ed opinione pubblica invece di ricercare la verità mi disgustano! Spero la finiscano preso, ma temo che non sarà così.

Articoli Correlati

Nessun commento:

laovoro gazzetta del mezzogiorno

laovoro gazzetta del mezzogiorno
annuncio di lavoro

Hot Models