venerdì 26 dicembre 2008

FormaTemp: quando i Sindacati suppliscono le mancanze dello Stato!

Forma.Temp - Fondo per la formazione dei lavoratori in somministrazione con contratto a tempo determinato - è un ente bilaterale costituito sotto forma di libera associazione senza fini di lucro tra l'associazione di rappresentanza delle Agenzie per il lavoro (ASSOLAVORO), le organizzazioni sindacali dei lavoratori somministrati (ALAI-CISL, NIDIL-CGIL, CPO-UIL) nonché le tre Confederazioni sindacali (CGIL, CISL e UIL).
I finanziatori però sono solo i sindacati ( o meglio da una trattenuta del 4% sullo stipendio degli interinali che aderiscono al sindacato) mentre Assolavoro è un utilizzatore che trae il suo guadagno nel collocare i lavoratori formati o facendo risparmiare soldi alle imprese sulla formazione dei dipendenti interinali.
Per aderire in qualità di lavoratore ad uno di questi progetti è necessario rivolgersi ad una della 84 agenzie interinali autorizzate presenti sul nostro territorio.
Vedi elenco e link siti web.
Mentre le aziende o consorzi di aziende possono rivolgersi sia alle Ag. Interinali che a FormaTemp direttamente.
Le imprese che aderiscono si sobbarcano l'impegno di assumere tramite agenzia il lavoratore formato per un periodo di almeno 6 mesi.
Questo ente bilaterale nasce come risposta alle leggi Treu del 97 (introduzione della Ag . Inteianli nel nostro ordinamento) e Biagi ( trasformazione del Lavoro Interinale in Somministrazione) del 2003 per garantire ai lavoratori una maggiore spendibilità della propria professionalità nel mondo del lavoro e alle imprese la possibilità di avere lavoratori sempre all' altezza della situazione.
IL successo è stato notevole con oltre 1 milione di lavoratori formati ed oltre 200 mila progetti portati a termine nei primi 7 anni di vita. Si veda tabella e si consideri la mancanza dei dati del 2008 che in una stima provvisoria sono da record!
La cosa grave è che una iniziativa del genere sarebbe dovuta essere presa dallo Stato o meglio dal Governo che invece se ne lava le mani.
Lode, quindi, ai sindacati che si sono mostrati all' altezza della situazione ed hanno supplito alle mancanze della politica. Mi auguro che nascano altri enti come questo e che vi sia più partecipazione da parte delle imprese: troppo bello avere sempre la pappa pronta: ogni tanto cari imprenditori la pappa sappiate preparatevela anche da soli!
Suggerisco a tutti i lavoratori e i disoccupati di fare dei corsi professionali visto che il lavoro interinali è cresciuto del 7% nonostante la crisi, Il perchè? E' ovvio: aumentando il numero di lavoratori a tempo determinato si ha più, per l'impresa facilità di licenziamento, specie in un momento di crisi. In breve si eliminano più facilmente gli esuberi senza passare dal sindacato.
Un lavoratore qualificato però ha più possibilità di essere riconvertito a tempi indeterminato o in ogni caso di essere ricollocato. Esistono poi delle professioni, grazie al massiccio impiego dell' out-sourcing, che si possono svolgere free-lancer (autonomamente in partita IVA per più aziende)dopo un breve periodo di apprendistato.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Sono perplesso ...prova a chiedere ai miei colleghi ex_Siemens che il sindacato a fronte di un versamento "volontario" di 2000 euro si era impegnato a ricollocare..sono o a casa o si sono trovati il lavoro da soli..dopo otto mesi si sbrigavano le pratiche e si iniziava a proporre un schema di ricerca e tanti bla bla..scusa ma la fiducia nel sindacato è zero visto che oggi sono una branchia dei partiti. grazie

laovoro gazzetta del mezzogiorno

laovoro gazzetta del mezzogiorno
annuncio di lavoro

Hot Models