mercoledì 15 aprile 2009

Rai e PDL strumentalizzano sisma Abruzzo per imbavagliare Annozero e Report: una vergogna!

Il povero Senese Vauro



Oggi il Direttore Generale della Rai Masi ha deciso che la Tv Nazionale non deve più garantire la libertà d' informazione.
Ha infatti stabilito che Annozero deve moderare i toni per far felice il centro-destra e Berlusconi, costringendo Santoro ad una puntata riparatrice ed ha sospeso il vignettista Vauro e messo inchiesta la trasmissione di Raitre Report.
Ma cosa c'è da riparare in quella trasmissione? Nulla è tutto ok a parte la presenza di due elementi calunniatori e fuorvianti come il sottosegretario Crosetto e il direttore de Il Giornale, Mario Giordano.
Un vero e proprio attacco oltraggioso alla libertà di pensiero alla quale noi tutti dovremmo reagire con fermezza e dure cominciando dallo scrivere ai vertici della Rai e prendendo d' assalto tutti le mail di tutti i ministri del Governo!
E non si deve nemmeno escludere la possibilità di arrivare a mezzi non convenzionali per difendere la nostra libertà come fecero i partigiani durante la resistenza anti-fascista!
Continua così lo sciacallaggio elettorale, sul sisma abruzzese, che ha avuto inizio con l'attacco trasversale ad Annozero da parte di Rita dalla Chiesa e che continua con una vetrinetta di CdM all' Aquila.
Ci si ostina a voler fare il Referendum il 14 o il 21 aprile per far comodo alla Lega. Spero che l' opposizione insista per il 7 giugno! Solo così si risparmia!
Da registrare l'incompetenza del Ministro Maroni sulla costituzione il quale ritiene vieti l'accorpamento di Referendum ed Elezioni : nulla di più falso!

Art. 75.

È indetto referendum popolare per deliberare l'abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.
Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.
Hanno diritto di partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati.
La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.
La legge determina le modalità di attuazione del referendum.
Inoltre la legge 352 del 1970 che regola la materia del referendum , non vieta l'accorpamento con le europee ma solo con le politiche. la stessa legge prevede che si possa votare solo p fra il 15 marzo e il 15 giugno. Maroni mi spieghi la si può cambiare per votare il 21 giugno ma non lo si farebbe se fosse necessario per consentire un accorpamento che ci farebbe risparmiare 400 milioni di euro da destinare a i terremotati.
Altra fesseria la proposta del direttore del piduistico Panorama Belpietro sempre ieri a Ballarò che chiede di rinviare il Referendum al prossimo anno. Perchè il referendum sì e le Europpe No? Se è possibile in Abruzzo votare per le Europee si può anche votare per il referendum!
Infine per rispondere ai soliti insultatori di destra che leggono il mio blog, sappiate che in Abruzzo non ha sempre governato il centro sinistra. Dopo i 5 anni con Antonio Falconio dal 1995 al 2000 nel quinquennio successivo ( 2000-2005) governò Giovanni Pace del centrodestra ed ora dopo la parentesi triennale con Ottaviano del turco è arrivato Gianni Chiodi del PDL.
Lieto che gli ultimi 4 articoli siano stati letti da 2300 persone nel week end di pasqua, invia anche quest ' articolo a Rita dalla Chiesa e lo pubblicherò su Facebook dove sono iscritto a gruppi molto numerosi. Il più grosso arriva a oltre 650000 iscritti.

1 commento:

Admin Lux ha detto...

Menduni e Chiodi per me sono due fallimenti.
Vi rimando a questo sito:
http://www.thepopuli.com/?p=1000
Saluto a tutti

laovoro gazzetta del mezzogiorno

laovoro gazzetta del mezzogiorno
annuncio di lavoro

Hot Models